FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Siria, centinaia di vittime curde: Usa chiedono lo stop ad Ankara | Erdogan: "Non ci fermeremo" | Media: "Turchi bombardano per errore forze americane"

LʼOnu: "Centomila persone in fuga". Francia: "Sanzioni dalla Ue". Di Maio: "Bruxelles non accetti i ricatti di Erdogan e agisca con una sola voce". Lʼambasciatore turco: "Difendiamo confini europei"

Escalation militare in Siria dopo l'attacco della Turchia. Mentre si contano centinaia di vittime tra le fila curde e migliaia di persone sono in fuga nelle zone del conflitto, intervengono gli Usa per "incoraggiare fortemente" Ankara a porre fine alle azioni militari contro i curdi. Ma Erdogan risponde picche: "Nonostante le minacce, non ci fermeremo". E l'Ue valuta eventuali sanzioni. Per l'Onu sono almeno centomila le persone in fuga.

Erdogan ha minacciato l'Europa di scatenare un'invasione di rifugiati "se insisterà a ostacolare l'operazione" e il ministro degli Esteri Luigi Di Maio invita a non accettare ricatti e chiede all'Unione europea di "agire con una sola voce". Intanto l'Olanda ha sospeso la vendita di armi alla Turchia.

 

Newsweek: "Turchi bombardano per sbaglio forze Usa" - Secondo quanto scrive Newsweek, che cita fonti dell'intelligence curdo-irachena e un alto funzionario del Pentagono, le forze turche impegnate nell'offensiva contro i curdi nel nord della Siria avrebbero bombardato per sbaglio uomini delle forze speciali americane
presenti nell'area. Le forze Usa, una compagnia formata da 50 a 100 uomini, stavano operando sulla collina di Mashtenour nella città di Kobane e sarebbero state raggiunte da colpi di artiglieria sparati dalle postazioni turche.

 

Francia: "Sul tavolo Ue sanzioni alla Turchia" - "La possibilità di imporre sanzioni alla Turchia è sul tavolo e l'Ue ne discuterà al Consiglio europeo della settimana prossima". Così la viceministra francese per gli Affari europei, Amelie de Montchalin, sottolineando che "non si può rimanere impotenti di fronte a una situazione scioccante per i civili, per le forze siriane per 5 anni al fianco della coalizione anti-Isis, ma soprattutto per la stabilità della regione".

 

L'ambasciatore turco: "Stiamo difendendo i confini Ue" - Con l'operazione militare in Siria, "stiamo difendendo le frontiere turche, ma anche quelle della Nato e dell'Ue" e "vogliamo ricordare questi aspetti a tutti i nostri alleati",  ha detto l'ambasciatore turco in Italia, Murat Salim Esenli, aggiungendo: "La situazione non è bianco o nero, come è presentata dalla stampa. E purtroppo l'Unione europea sta saltando sul carrozzone dell'anti-Turchia". Secondo il diplomatico, questa condotta è "estremamente preoccupante" perché "stanno facendo una generalizzazione pericolosa. Speriamo che l'Unione europea si svegli il più velocemente possibile".

 

In Turchia 121 fermi per "propaganda terroristica" - Le autorità turche hanno arrestato 121 persone con l'accusa di "propaganda terroristica" per i loro messaggi critici sui social media verso l'operazione militare di Ankara. A riferirlo è stato il ministro dell'Interno Suleyman Soylu, aggiungendo che sono "quasi 500" le persone complessivamente sotto inchiesta.

 

Autobomba a Qamishli, "diverse vittime" - Un'autobomba è esplosa a Qamishli, nell'area sotto il controllo curdo del nord della Siria, a est rispetto all'area in cui la Turchia ha avviato le sue operazioni e tra le città più popolose della zona. Lo riferiscono le attività curde, secondo cui ci sarebbero "diverse vittime". L'attentato, secondo quanto riferito dal Site (sito di monitoraggio dello jihadismo online) è stato poi rivendicato dall'Isis.

 

Trump "mediatore" tra Ankara e i curdi - Donald Trump intanto si è proposto come mediatore tra Ankara e i curdi. "Si sono combattuti l'un l'altro per 200 anni - ha scritto infatti il tycoon su Twitter - ora abbiamo una di tre scelte: inviare migliaia di soldati e vincere militarmente, colpire la Turchia molto duramente con le sanzioni oppure mediare un accordo tra Turchia e curdi".

 

Conte: "Ankara si fermi, l'Ue non accetti il ricatto" - "Lo dirò forte e chiaro al prossimo Consiglio Ue: l'Ue non può accettare questo ricatto dalla Turchia" su un'accoglienza, quella dei profughi siriani, "finanziata ampiamente dall'Europa. L'iniziativa militare deve cessare immediatamente e l'Ue e tutta la comunità internazionale dovrà parlare con una sola voce". Lo dice il premier Giuseppe Conte.

 

Di Maio: "Ferma condanna, a rischio sforzi anti-Isis" - "Condanniamo con forza ogni tipo di intervento militare perché rischia di pregiudicare gli sforzi della coalizione anti Isis". Così Luigi Di Maio in un'intervista a La Repubblica. "La soluzione della crisi siriana non puo' passare attraverso l'uso delle armi, ma attraverso dialogo e diplomazia. Il popolo siriano ha già sofferto abbastanza", ha quindi aggiunto il ministro degli Esteri.

 

Usa, proposta legge per sanzioni a Turchia per attacco a curdi - E proprio sulla possibilità di sanzionare la Turchia sta lavorando la deputata repubblicana al Congresso Usa, Liz Cheney, pronta a presentare una legge. Oltre 20 deputati repubblicani avrebbero già espresso sostegno alla sua proposta.

 

Putin: "Rischio fuga per i miliziani dell'Isis" - Sull'attacco turco in Siria è intervenuto anche il presidente russo, Vladimir Putin, sottolineando il rischio che i miliziani dell'Isis lì detenuti "possano fuggire". "Non sono sicuro che Ankara possa prendere il controllo della situazione", ha aggiunto il capo del Cremlino.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali