FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Sindaco francese perse la scommessa su Barcellona-PSG e mantiene la promessa: mangia un ratto

Charles Dayot, primo cittadino di Mont-de-Marsan, aveva ritenuto impossibile lʼeliminazione dei parigini nella gara di ritorno di Champions contro i catalani. "Ha il sapore del coniglio", il commento

Sindaco francese perse la scommessa su Barcellona-PSG e mantiene la promessa: mangia un ratto

Ci sono voluti quattro mesi per "digerire" la sconfitta, ma alla fine la promessa è stata mantenuta e l'abbuffata è avvenuta. Charles Dayot, neo sindaco di Mont-de-Marsan, comune francese nella regione Nuova Aquitania, domenica 23 luglio si è seduto a tavola davanti alle telecamere per consumare il suo pasto a base di... ratto. D'altronde la scommessa che aveva formulato parlava chiaro: "Se il Barcellona elimina il Paris Saint-Germain in Champions mangerò un ratto". Dayot si faceva forte del 4-0 rifilato dai parigini ai catalani all'andata, non potendo immaginare che sarebbe finita 6-1 per il Barça.

"Ha il sapore del coniglio", ha commentato Dayot dopo aver assaggiato lo stufato di ratto che gli è stato servito a favore di telecamere. Il sindaco per l'occasione ha indossato una t-shirt del Paris Saint-Germain di Ibrahimovic come bavaglino, mentre sul tavolo c'era in bella vista anche una maglia del Barcellona.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali