FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Scontri in Libia, Al Sarraj proclama lo stato dʼemergenza a Tripoli

Continua lʼavanzata dei ribelli, lʼambasciata italiana resta aperta

Scontri in Libia, Al Sarraj proclama lo stato d'emergenza a Tripoli

Il presidente del governo di unità nazionale della Libia, Fayez Al Sarraj, ha proclamato lo stato d'emergenza per gli scontri tra milizie intorno a Tripoli. La decisione è stata assunta "per proteggere i cittadini, gli impianti e le istituzioni vitali che richiedono tutte le misure necessarie". Intanto diversi media locali riferiscono dell'avanzata a sud della settima Brigata, con violenti combattimenti lungo la strada verso l'aeroporto.

Il consiglio presidenziale ha condannato apertamente gli scontri che continuano da una settimana, definendoli "un attentato alla sicurezza della capitale e dei suoi abitanti, davanti ai quali non si può restare in silenzio". L'obiettivo dei combattimenti "è quello di interrompere il processo pacifico di transizione politica", cancellando "gli sforzi nazionali e internazionali per arrivare alla stabilizzazione del Paese".

Il consiglio ha inoltre ammonito le milizie a "rispettare la tregua" e interrompere ogni azione militare verso la capitale. Ma l'avanzata dei ribelli non sembra avere alcuna intenzione di fermarsi. I media rilanciano i proclami della settima Brigata, che nei giorni scorsi aveva respinto il cessate il fuoco, ripromettendosi di continuare a combattere "fino a che non ripulirà Tripoli dalle milizie armate" accusate di corruzione. I ribelli hanno annunciato l'imminente assalto al quartiere di Abu Salim, tristemente celebre perché vi sorge il carcere dove il defunto rais Muammar Gheddafi fece strage di oppositori nel 1996, quasi 1.300 i prigionieri massacrati a colpi di granate.

Difesa: "Truppe italiane in sicurezza" - L'ambasciata italiana in Libia, sfiorata sabato da un razzo che ha centrato un hotel della zona, "resta aperta, ma con una presenza più flessibile che si sta valutando sulla base delle esigenze e della situazione di sicurezza". Lo fa sapere la Farnesina. Fonti della Difesa hanno poi assicurato che le truppe italiane impegnate in Libia sono "totalmente in sicurezza". Anche all'ospedale di campo di Misurata non si registrano problemi.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali