FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Scandalo Weinstein, gli uomini si autodenunciano sui social con #Ihave

Un ragazzo confessa: "Ho ferito le donne. Ho violato confini. Ho contribuito alla cultura dello stupro"

La proposta indecente da parte del capo di turno è arrivata a tante donne, non solo attrici di Hollywood, che dopo l'esplosione dello scandalo Weinstein hanno deciso di raccontare la propria personale esperienza di abuso sul posto di lavoro con l'hashtag #metoo. Sui social però, adesso anche gli uomini hanno deciso di prendere la parola e stavolta lo fanno non per difendersi dalle accuse, ma per autodenunciarsi.

Scandalo Weinstein, sui social gli uomini si autodenunciano con lʼhashtag #ihave

Sono decine i tweet e i post Facebook che sotto l'etichetta #Ihave descrivono l'altra metà del cielo, quella dei "predatori" che adesso pentiti hanno deciso di fare pubblica ammenda. La speranza, in alcuni casi, è di riparare all'umiliazione inflitta a fidanzate, mogli o colleghe, in altre quella di iniziare un percorso di "riabilitazione" verso un rapporto più sano con l'altro sesso.

"Ho ferito le donne. Ho violato confini. Ho contribuito alla cultura dello stupro" scrive un utente Facebook. Fa una confessione più ampia un altro ragazzo: "Ebbene sì, mi è capitato: certo non di usare violenza sessuale nei confronti di una donna, ma di usare una forma di violenza fisica, non grave per fortuna, nel corso di una discussione con lei. Avvenne tempo fa, avevo circa 23 anni, ma mi resi conto che fu un impulso incontrollato e che se fosse stato più violento avrebbe potuto avere conseguenze più serie. Giurai a me stesso che non si sarebbe mai più ripetuto. Violenza mai, nemmeno per gioco".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali