FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Russia, protesta in metropolitana: attivista getta mix di acqua e candeggina

Anna Dovgalyuk va in scena con una nuova vendetta a San Pietroburgo: punire chi siede a gambe larghe occupando più spazio del dovuto

Diventata celebre in rete per la sua protesta contro l'upskirting, la pratica, diffusa nella metropolitana di San Pietroburgo, di scattare foto sotto le gonne di ignare passeggere, la modella-femminista Anna Dovgalyuk fa parlare ancora di sé. Questa volta la ventenne che si autodefinisce "attivista sociale" ha deciso di ribellarsi contro gli uomini che, seduti in metro, occupano più spazio del dovuto allargando le gambe. Con l'originalità che contraddistingue le sue proteste, la Dovgalyuk ha deciso di punirli gettando sulle loro parti intime un composto di acqua e candeggina. E la sua nuova campagna finisce ancora una volta sui social.

La polemica contro le autorità - Per rendere nota la protesta contro la pratica conosciuta come manspreading, Anna si è fatta filmare mentre getta il mix in questione. Secondo l'attivista, l'abitudine maschile di occupare più spazio del dovuto è un'aggressione di genere, e la ragazza è convinta che le autorità del suo Paese non facciano abbastanza per contrastare il problema.

Perché questo mix? – La candeggina mangia i colori dei tessuti, con questo dispetto Anna rovina per sempre gli abiti delle sue vittime. "Questo mix è 30 volte più concentrato rispetto alla miscela usata dalle massaie per fare il bucato – fa sapere la Dovgalyuk - in questo modo non solo combattiamo il manspreading, ma contrassegniamo anche i colpevoli".

Finzione o realtà? – Contro l'upskirting Anna si era fatta filmare in pubblico in biancheria intima. Voleva sensibilizzare la comunità sul tema e spingere le istituzioni a riconoscere come molestia sessuale la pratica dei maniaci di filmare sotto le gonne delle donne. Secondo il Daily Mail, che cita alcune fonti russe, questa protesta sarebbe, invece, tutta una finzione e le vittime solo attori. Lei nega e difende la sua campagna di sensibilizzazione: "Se nessuno mi ha denunciata, è solo perché nessuno andrà mai alla polizia per una macchia sui jeans".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali