FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Reporter uccisa in Cisgiordania, l'Onu: "Israele faccia un'indagine trasparente" | Prime "ammissioni" dello Stato maggiore di Tel Aviv

Venerdì, a Gerusalemme, un nuovo episodio increscioso ha segnato la vicenda: la polizia israeliana ha attaccato i partecipanti al funerale di Shireen Abu Akleh. Letta: "Nulla può giustificare questo scempio"

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite "ha condannato fermamente l'uccisione della giornalista palestinese-americana Shireen Abu Akleh e il ferimento di un altro giornalista nella città di Jenin in Cisgiordania".

E' una delle rare volte che l'Onu prende una posizione unanime su un argomento riguardante

Israele

. Le Nazioni Unite hanno anche chiesto "un'indagine immediata, approfondita, trasparente e imparziale" sull'omicidio. Venerdì un nuovo triste episodio ha segnato il caso: la

polizia israeliana ha attaccato la folla

che partecipava al funerale della giornalista a Gerusalemme. Intanto, media riferiscono di un'analisi balistica dello Stato maggiore di Tel Aviv, dalla quale emergerebbe che il proiettile che ha ucciso Abu Akleh proveniva da posizioni israeliane: era destinato a un miliziano palestinese, ma avrebbe mancato il bersaglio e avrebbe colpito la giornalista che era sulla linea di tiro.

Le cariche della polizia sui partecipanti al funerale -

Gli incidenti sono cominciati all'uscita del feretro dall'ospedale a Beit Hanina, quartiere arabo di Gerusalemme est, quando la polizia ha impedito che la bara della giornalista, coperta dalla bandiera palestinese, fosse issata in spalla da un gruppo di persone. A Gerusalemme è vietato sventolare la bandiera palestinese. Il feretro, sotto la carica degli agenti, ha basculato ed è quasi caduto a terra. 


Letta indignato: "Nulla può giustificare questo scempio"

- "Nessuna spiegazione può giustificare questo scempio". Lo ha scritto su Twitter il segretario del Pd, Enrico Letta, ritwittando un video della carica da parte di militari israeliani al funerale di Shireen Abu Akleh, contro le persone che portavano in spalla la bara della reporter di Al Jazeera. "Indegno. Punto", è stato il secco commento anche del leader di Azione Carlo Calenda.


 


Borrell: "Ue sconvolta"

- "L'Unione europea è sconvolta", ha denunciato l'Alto rappresentante per la politica estera Josep Borrell, condannando "l'uso sproporzionato della forza e il comportamento irrispettoso della polizia israeliana nei confronti dei partecipanti al corteo funebre". 


 


Prime "ammissioni" dello Stato maggiore israeliano

 - Shireen è stata uccisa mercoledì da un proiettile alla testa in un raid israeliano in un campo profughi nel nord della Cisgiordania, territorio palestinese occupato da Israele dal 1967, mentre documentava un'operazione delle Forze di difesa israeliane (Idf) a Jenin. L'Autorità palestinese, Al Jazeera e il governo del Qatar hanno subito accusato l'esercito di Israele di averla uccisa.


 


"Le probabilità che l'inviata sia stata uccisa da un militare israeliano sono molte alte". Lo riferisce, a tre giorni dall'omicidio, il quotidiano panarabo Al Arabi al Jadid, citando il canale televisivo israeliano 12, secondo il quale

lo Stato maggiore israeliano

avrebbe condotto un'indagine approfondita constatando, tramite un'analisi balistica, che il proiettile che ha ucciso Abu Akleh proveniva dalle posizioni israeliane. Secondo la versione ufficiale trapelata dal canale israeliano, un soldato delle Idf avrebbe sparato con l'intento di colpire un miliziano palestinese. Il proiettile però avrebbe mancato il bersaglio e avrebbe colpito la giornalista, diversi metri dietro il miliziano palestinese ma sulla linea di tiro.


Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali