FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Pakistan, ex premier Sharif condannato a 7 anni per corruzione

Sharif era già stato condannato a 10 anni lo scorso luglio, poi venne rilasciato dopo una sentenza dellʼAlta Corte. Ora dovrà pagare anche una multa da 25 milioni di dollari

Pakistan, ex premier Sharif condannato a 7 anni per corruzione

L'ex premier pachistano Muhammad Nawaz Sharif è stato condannato a 7 anni di carcere per corruzione nel caso legato alla vicenda Al-Azizia Steel Mills. La corte lo ha condannato anche al pagamento di una multa da 25 milioni di dollari. Attorno all'edificio è stata innalzata la sicurezza nel timore di scontri con i sostenitori dell'ex premier, della Lega musulmana (Plm-N), riuniti all'esterno.

Già condannato a luglio - Sharif era già stato condannato a 10 anni a luglio, poi venne rilasciato (a settembre e su cauzione) dopo una sentenza dell'Alta Corte. E sempre a luglio Hanif Abbasi, leader del partito Lega dei musulmani Nawaz (lo stesso di Sharif), era stato condannato all'ergastolo dalla Corte per il controllo sulle sostanze stupefacenti e dichiarato ineleggibile per le consultazioni successive.

Sharif nega qualunque illecito - L'ex premier, che nega qualsiasi illecito, era stato rimosso proprio per le accuse di corruzione. E' stato arrestato subito dopo la sentenza.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali