FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Nigeria, liberati due sacerdoti rapiti: c'è anche un italiano

Altri due preti cattolici erano stati rapiti nei giorni scorsi vicino alle comunità di Ehor e Iruekpen, ma su di loro non si hanno ancora notizie

polizia nigeria
-afp

Due sacerdoti, che erano stati rapiti nel fine settimana, sono stati liberati in Nigeria.

Si tratta di padre

Emmanuel Silas

, della diocesi di Kafanchan, nello Stato di Kaduna, e di

Luigi Brena

, che era stato prelevato con la forza da un commando nella comunità di Usen, nello Stato di Edo. Altri due sacerdoti cattolici,

Udo Peter

e

Philemon Oboh

, erano stati rapiti nei giorni scorsi vicino alle comunità di Ehor e Iruekpen, ma su di loro non si hanno ancora notizie.

 



 


A dare la notizia della liberazione di

 padre Silas

è stata la fondazione Aiuto alla Chiesa che Soffre, che con un tweet, ha ringraziato "tutti per la vicinanza", aggiungendo "

non smettiamo di sostenere con la preghiera i suoi confratelli ancora nelle mani dei rapitori!".


 




Il sequestro e la liberazione di padre Brena

, secondo la stampa locale, invece, sono stati confermati dalla funzionaria di polizia di stato di Edo, Jennifer Iwegbu. Le forze dell'ordine - ha spiegato - "

hanno neutralizzato tre dei rapitori

", uccisi a colpi di arma da fuoco, "mentre il resto è fuggito nella foresta con vari gradi di ferite da arma da fuoco, abbandonando la vittima" che "è stata immediatamente portata d'urgenza all'Igbinedion Teaching Hospital", per ricevere tutte le cure mediche necessarie. Nel frattempo - ha aggiunto la funzionaria di polizia - è in corso un intenso pattugliamento della boscaglia con l'obiettivo di arrestare i sospetti rapitori in fuga".


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali