FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Nigeria, scoperta "fabbrica di bambini": liberate 19 donne incinte

I neonati sarebbero poi stati venduti a 1.400 dollari, se maschio, o a 830 dollari se femmina

La polizia nigeriana ha liberato 19 donne incinte durante un'operazione condotta a Lagos contro le cosiddette "fabbriche di bambini". Secondo quanto riportato dai media nigeriani, Le donne, di età compresa tra 15 e 28 anni, erano state sequestrate "con l'intento di metterle incinte e vendere poi i bambini". I neonati sarebbero stati venduti a 1.400 dollari, se maschio, o a 830 dollari, se femmina. La polizia ha arrestato due donne.

La maggior parte delle donne erano state attirate a Lagos con la promessa di un lavoro, ma poi erano state sequestrate e violentate. Altre, secondo la polizia, sapevano invece a cosa andavano incontro. Una di loro ha raccontato a un quotidiano locale di essere stata ingannata e di avere avuto rapporti sessuali con sette uomini prima di rimanere incinta. La donna che gestiva la casa dove si trovava le aveva detto che in cambio avrebbe ricevuto una lauta somma di denaro.
 

Non è questa la prima vota che vengono scoperte "fabbriche di bambini" in Nigeria, Nel Paese, che è la prima economia africana, la povertà è comunque molto diffusa, così come il traffico di esseri umani. Nel 2018 in un altro raid simile furono liberati 160 bambini.

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali