FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

New York Times: il principe Salman approvò lʼinterrogatorio di Khashoggi

Lo 007 si sarebbe spinto troppo oltre, finendo con lʼuccidere il giornalista dissidente, "per dimostrare le sue capacità" in unʼoperazione segreta

Il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman, malgrado quanto afferma Riad, era a conoscenza e "approvò" l'interrogatorio "poi finito male" di Jamal Khashoggi nel Consolato di Istanbul, per il quale aveva disposto un trasferimento forzato in Arabia Saudita. Lo scrive il New York Times citando fonti interne. L'ufficiale di intelligence che ha condotto l'interrogatorio era "un amico del principe".

Lo 007 si sarebbe spinto troppo oltre, finendo con l'uccidere il giornalista dissidente, "per dimostrare le sue capacità" in un'operazione segreta.

Trump: "Il principe non sapeva" - Ma Donald Trump assicura che Mohammed ribadisce di non essere stato a conoscenza di quanto accaduto al consolato saudita di Istanbul. Il presidente lo twitta, scrive, dopo aver chiamato di nuovo il principe saudita. "Mi ha assicurato - dice - che indagini piene e complete sono già partite e saranno estese con risultati a breve".

Si è intanto conclusa nel corso della notte l'ispezione turca all'interno del Consolato saudita di Istanbul, nell'ambito delle indagini sulla scomparsa di Jamal Khashoggi. Secondo al Jazeera, che cita fonti anonime della Procura turca, gli inquirenti "hanno trovato prove dell'omicidio" del giornalista all'interno dell'edificio. Oltre 20 gli inquirenti turchi che hanno partecipato all'ispezione.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali