FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Muslim ban, Usa: decisi nuovi criteri per i visti ai cittadini di sei Paesi islamici

Il divieto è stato parzialmente riattivato dopo che la Corte Suprema vuole verificare la costituzionalità. Eʼ possibile avere il visto se si hanno "stretti legami di famiglia"

L'amministrazione Trump ha fissato nuovi criteri per la concessione dei visti ai cittadini di 6 Paesi a maggioranza musulmana, richiedendo "stretti legami di famiglia o di affari" per l'esenzione dall'applicazione del bando voluto dal presidente. La decisione giunge dopo che la Suprema Corte ha stabilito di lasciare in vigore il bando presidenziale per chi non ha rapporti familiari o di lavoro con gli Usa.

Muslim ban, i visti "sorvegliati speciali"

Il divieto è stato parzialmente riattivato dopo che la Corte Suprema ha dichiarato di volerne verificare la costituzionalità: sarà valido per 90 giorni per i cittadini dei sei Paesi e per 120 giorni per i richiedenti asilo. Nella sua versione azzoppata il muslim ban prevede che non possano entrare negli Stati Uniti coloro che "non hanno relazioni strette con persone o entità negli Usa".

Ma ecco quali sono i punti che la Corte Suprema non ha chiarito e che potrebbero generare caos in queste settimane. Washington ha inviato delle linee guida alle sue ambasciate, secondo i media internazionali. Per esempio sul grado di parentela che viene ritenuto "stretto" abbastanza per giustificare l'ingresso negli Usa, le nuove linee guida prevedono che la relazione tra figli e genitori, tra coniugi, tra suoceri e genero/nuora o tra fratelli sia valida.

La relazione tra nonni e nipoti, tra zii e nipoti, tra cugini, cognati o fidanzati, invece non è valida per consentire il superamento del muslim ban. Inoltre non è definito cosa accade a coloro che hanno fatto richiesta per un permesso studio o di lavoro e non hanno ancora ricevuto una risposta. E non è chiaro se il divieto si applichi anche ai turisti o a coloro che sono in viaggio per un breve periodo per visitare i familiari o per coloro che si recano negli Usa per cure mediche.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali