FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Morte di Lady Diana, lʼultimo libro rivela: lʼauto dellʼincidente era da rottamare

Un testimone disse: "Questa macchina bisogna distruggerla. Oltre i 60 km orari è fuori controllo"

A vent'anni dalla scomparsa di Lady Diana, emergono nuovi dettagli sulla dinamica dell'incidente. L'ultimo particolare a essere rivelato è che la limousine sulla quale il 31 agosto 1997 persero la vita a Parigi la principessa e il suo compagno Dodi Al-Fayed "era un relitto". A dirlo sono due giornalisti e un fotografo presente la notte della tragedia.

Il fotografo Pascal Rostain, con i giornalisti Jean-Michel Caradech e Bruno Mouron, ha scritto il volume "Chi ha ucciso Lady Di?". Nel libro-inchiesta, si afferma che l'auto della fuga - che si schiantò su un pilastro del tunnel dell'Alma con la coppia in fuga dall'hotel Ritz - sarebbe stata da rottamare.

Già l'inchiesta aveva messo in evidenza che l'autista aveva un tasso molto alto di alcol nel sangue e che l'auto sfrecciava a velocità eccessiva per una strada urbana. Gli autori del libro hanno rintracciato l'ex proprietario di quella automobile: sarebbe tale Eric Bousquet, direttore di un'agenzia di pubblicità.

"Quell'auto era del Ritz ed era un relitto - ha detto Rostain, intervistato oggi - non avrebbe mai dovuto circolare. Ebbe un primo incidente, pesava diverse tonnellate e sarebbe stata da rottamare". Un testimone citato nel libro avrebbe detto due mesi prima dell'incidente al direttore del Ritz: "questa macchina bisogna distruggerla. Oltre i 60 km orari è fuori controllo".

Questo nuovo elemento riporterebbe in primo piano la responsabilità dell'hotel Ritz - di proprietà di Mohamed Al Fayed, padre del defunto compagno di Diana - che ha continuato a far circolare l'auto.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali