FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Migranti, naufragio nel Mediterraneo: tra vittime anche bimbo di sei mesi

Sono sei i morti accertati: a bordo del gommone soccorso dalla Ong spagnola Open Arms, pare fossero presenti circa 100 persone

C'è anche un bimbo di sei mesi tra le 6 vittime del naufragio avvenuto mercoledì nel Mediterraneo centrale. Il piccolo era stato soccorso da Open Arms ma, come spiega la Ong in un tweet, "nonostante gli enormi sforzi dell'equipe medica, è venuto a mancare". "Avevamo chiesto per i casi gravi un'evacuazione urgente da effettuare tra breve - ha aggiunto l'organizzazione -, ma non ce l'ha fatta ad aspettare. Siamo addolorati".

La rettifica dell'Ong - "Era un bimbo, si chiamava Joseph e veniva dalla Guinea. R.I.P". Così Open Arms su Twitter fa una "rettifica" a proposito del naufragio di un gommone nel Mediterraneo centrale. L'Ong spagnola aveva parlato in un primo momento di una bimba di 6 mesi tra le sei vittime e non di un bambino. 

 

La tragedia - Il naufragio del gommone è avvenuto al largo delle coste libiche: a bordo, stando a quanto emerso c'erano circa 100 persone. 

 

La segnalazione di un gommone in difficoltà è arrivata alla Ong spagnola da parte di uno dei velivoli di Frontex. L'imbarcazione, dice la Guardia Costiera italiana, era in area Sar di responsabilità libica e la Ong è stata contattata in quanto "mezzo più utilmente impiegabile al momento". Una volta raggiunto il punto indicato, però, i volontari si sono trovati di fronte una "complicatissima operazione di soccorso": il gommone, dice infatti Open Arms "aveva ceduto e le persone erano già tutte in acqua, prive di salvagente e di dispositivi di sicurezza".

 

In questo momento sono 199 i naufraghi ospitati a bordo della nave. "In questi ultimi due giorni - sottolinea la Ong - le segnalazioni di imbarcazioni in difficoltà sono state continue e la Open Arms si è trovata a dover prestare assistenza da sola, essendo l`unica rimasta ad operare nel Mediterraneo dopo che tutti gli assetti umanitari sono stati fermati con pretesti amministrativi". 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali