FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Marò, lʼambasciatore: "Girone rischia unʼattesa di altri 4 anni"

Il Tribunale arbitrale deve stabilire chi abbia la giurisdizione sul caso. Per lʼItalia la detenzione del fuciliere "lede i diritti umani". LʼIndia: "La richiesta italiana è inammissibile"

Marò, l'ambasciatore: "Girone rischia un'attesa di altri 4 anni"

Per l'ambasciatore Francesco Azzarello, agente del governo italiano nell'udienza al Tribunale arbitrale che si è aperta all'Aja, il marò Salvatore Girone "deve essere autorizzato a tornare a casa fino alla decisione finale" dell'arbitrato. Il procedimento "potrebbe durare almeno 3 o 4 anni" e Girone rischia di rimanere "detenuto a Delhi, senza alcun capo d'accusa per un totale di 7-8 anni". Per l'India la richiesta italiana è però "inammissibile".

"Detenzione di Girone lede anche i diritti dell'Italia" - Girone, ha aggiunto l'ambasciatore, "è costretto a vivere a migliaia di chilometri dalla sua famiglia, con due figli ancora piccoli, privato della sua libertà e dei suoi diritti". "Il danno ai suoi diritti - ha sottolineato - riguarda l'Italia, che subisce un pregiudizio grave e irreversibile dal protrarsi della sua detenzione, e dell'esercizio della giurisdizione su un organo dello Stato italiano".

"I militari godono dell'immunità di Stato" - Azzarello ha quindi ricordato davanti ai giudici del Tribunale arbitrale ricordando che i marò coinvolti nell'incidente dell'Enrica Lexie mentre erano in servizio antipirateria per conto dello Stato "godono dell'immunità". L'India tuttavia, ha detto, "non ha rispettato nemmeno il principio basilare del giusto processo" e cioè quello di "formulare un capo d'accusa".

"Un essere umano non può venir usato come garanzia" - "L'unica ragione per cui il sergente Girone non è autorizzato a lasciare l'India - ha sottolineato - è perché rappresenta una garanzia che l'Italia lo farà tornare a Delhi per un eventuale futuro processo. Ma un essere umano non può essere usato come garanzia per la condotta di uno Stato".

"L'Italia rispetterà qualsiasi decisione dei giudici" - "L'Italia ha già preso, e intende ribadirlo nel modo più solenne, l'impegno di rispettare qualsiasi decisione di questo Tribunale", ha aggiunto Azzarello, compresa quella di "riportare Girone in India" nel caso in cui l'arbitrato dovesse riconoscere alla fine del procedimento la giurisdizione indiana.

Sentenza dell'Aja attesa tra 4 settimane - Il Tribunale arbitrale dell'Aja deve stabilire chi abbia la giurisdizione sul caso. L'Italia ha avanzato la richiesta di far rientrare in patria Girone, tuttora trattenuto in India, per tutta la durata del procedimento arbitrale sulla giurisdizione della vicenda che vede lo stesso Girone e l'altro marò Massimiliano Latorre accusati di aver ucciso due pescatori indiani al largo del Kerala, il 15 febbraio 2012. La sentenza è attesa tra circa 4 settimane.

L'India: "Rientro in patria di Girone inammissibile" - L'India paventa il "rischio che Girone non ritorni in India nel caso venisse riconosciuta a Delhi la giurisdizione sul caso". E' quanto si legge nelle Osservazioni scritte del governo indiano, depositate al Tribunale arbitrale il 26 febbraio e rese pubbliche in occasione della prima udienza "Sarebbero necessarie assicurazioni in tal senso" dall'Italia, che finora sono state "insufficienti", prosegue il documento.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali