FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Mafia: ucciso a New York Frank Calì, capo della famiglia Gambino

Secondo i media americani, si tratta del primo assassinio di rilievo negli ambienti della criminalità organizzata da oltre 30 anni nella "Grande Mela"

L'italoamericano Francesco "Frank" Calì, capo della famiglia mafiosa dei Gambino e considerato il mediatore di Cosa Nostra al di là dell'Atlantico, è stato ucciso in un agguato davanti alla sua residenza di Staten Island, a New York. Il 53enne è morto in ospedale a causa delle ferite riportate. Secondo i media americani, si tratta del primo assassinio di rilievo negli ambienti della criminalità organizzata di New York da oltre 30 anni.

Calì è stato raggiunto da almeno sei colpi di arma da fuoco, secondo quanto hanno riferito alcuni testimoni. A sparare è stato un uomo, che prima di fuggire a bordo di un'auto blu gli è passato sopra. Subito dopo l'agguato, sempre secondo i testimoni oculari, alcuni membri della sua famiglia sono usciti in strada e sono stati visti accanto al suo corpo piangendo. Finora la polizia non ha eseguito alcun arresto.

Quella dei Gambino è una delle famiglie del mondo del crimine organizzato più importante degli Stati Uniti. Fu particolarmente in auge sotto il comando del boss John Gotti, morto in carcere nel 2002.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali