FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Libia, tre militanti Isis arrestati per il sequestro dei 4 operai della Bonatti

Fausto Piano, Salvatore Failla, Filippo Calcagno e Gino Pollicardo furono rapiti a Sabrata il 19 luglio del 2015. I primi due morirono il 3 marzo del 2016 durante un conflitto a fuoco

Libia, tre militanti Isis arrestati per il sequestro dei 4 operai della Bonatti

Tre cittadini libici, tutti appartenenti all'Isis e rei confessi, sono stati arrestati in Libia per il sequestro dei quattro operai della Bonatti, due dei quali morirono nel corso di un conflitto a fuoco. Fausto Piano, Salvatore Failla, Filippo Calcagno e Gino Pollicardo furono rapiti a Sabrata il 19 luglio del 2015. Piano e Failla morirono il 3 marzo del 2016 durante un conflitto a fuoco nel corso di un trasferimento.

I tre sono accusati di sequestro di persona con finalità di terrorismo aggravato dalla morte di due ostaggi, gli operai della Bonatti. L'indagine, coordinata dal pm Sergio Colaiocco, è stata svolta dai carabineri del Ros.

L'ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata firmata dal gip Antonella Minunni. I tre si trovano già in carcere a Tripoli per altri reati. Si tratta di Youssef Aldauody, l'autista che guidava il mezzo sui cui erano a bordo i due italiani al momento del rapimento, e di Ahmed Dhawadi e Ahmad Elsharo. Nella confessione i tre hanno raccontato che il piano di rapimento era stato messo a punto al fine di ottenere soldi per finanziare l'organizzazione terroristica e hanno confermato che nella vicenda non c'è stato alcun pagamento di riscatto.

La svolta alle indagini è arrivata anche con l'acquisizione di alcuni atti dell'autorità giudiziaria libica tramite rogatoria. In base a quanto accertato dalla Procura e dal Ros alla gestione del sequestro avrebbero preso parte altre dieci persone, tutte identificate ma decedute, assieme a Piano e Failla, nel corso del conflitto a fuoco avvenuto il 3 marzo di due anni fa nell'ambito di un trasferimento verso un nuovo covo di prigionia.

A svolgere il ruolo di basista, in base a quanto si apprende, l'autista che ha avvisato gli altri due annunciando loro che il 19 luglio del 2015 avrebbe trasportato via terra un gruppo di italiani. Il filone sul sequestro viaggia parallelo con quello relativo alle responsabilità dei vertici della Bonatti.

Il procedimento è già davanti al gup e vede imputati per il reato di cooperazione colposo nel delitto doloso quattro componenti del cda e il dirigente in Libia, Dennis Morson. Quest'ultimo ha ottenuto l'ok dalla Procura per patteggiare una pena ad un anno e dieci mesi.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali