FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Libia, manifestanti assaltano il parlamento di Tobruk | Il premier Dbeibah: il governo si dimetta e si vada al voto

Un gruppo di manifestanti si era radunato per protestare contro il deterioramento delle condizioni di vita e dello stallo politico


libia tobruk
Da video

Alta tensione in Libia.

Un gruppo di manifestanti ha

preso d'assalto

l'edificio che ospita il

Parlamento a Tobruk

, per protestare contro il deterioramento delle condizioni di vita e dello stallo politico. Diverse stazioni televisive hanno affermato che i manifestanti sono entrati nell'edificio e hanno compiuto saccheggi. Le immagini hanno mostrato spesse colonne di fumo nero che si alzavano dal perimetro dell'edificio dopo che giovani manifestanti hanno bruciato pneumatici. Secondo altri report, all'interno dell'edificio sono stati bruciati documenti.

 



 


Venerdì pomeriggio sono state organizzate manifestazioni nelle città di Misurata e Tobruk, in coincidenza con un analogo corteo a Tripoli, per denunciare il deterioramento delle condizioni di vita, per protestare contro le forze politiche che paralizzano il Paese e per invocare elezioni il prima possibile, ha riferito al Wasat.


 


Immediata la reazione del premier libico sostenuto dalla comunità internazionale

Abdel Hamid Dbeibah

, che ha chiesto a tutti gli organi politici, compreso il suo governo, di

dimettersi e di andare a elezioni

. "Aggiungo la mia voce ai manifestanti in tutto il paese: tutti gli organi politici devono dimettersi, compreso il governo, e non c'e' modo per farlo se non attraverso le elezioni" ha scritto Dbeibah su twitter, aggiungendo che "sono noti coloro che ostacolano le elezioni e l'approvazione del bilancio".


 


I manifestanti a Misurata e Tobruk hanno denunciato in particolare la crisi delle interruzioni di corrente che sono peggiorate di recente senza che i governi che si sono succeduti siano riusciti a trovare una soluzione. A Tobruk decine di giovani si sono radunati davanti all'edificio della Camera dei Rappresentanti, nella parte orientale della città, e hanno dato fuoco ai pneumatici.


 



 


SPARI A TRIPOLI PER DISPERDERE I MANIFESTANTI

Colpi di arma da fuoco sono stati esplosi dalle forze di sicurezza libiche per allontanare i dimostranti che si sono riuniti davanti la sede del primo ministro nella capitale della Libia, Tripoli. I manifestanti, qualche decina, hanno bloccato alcune auto davanti al quartier generale del capo del governo, Abdulhamid Dabaiba, lamentando le cattive condizioni in cui versa la popolazione libica e scandendo slogan come "Libia! Libia!" e "No, no ai battaglioni!".


Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali