FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Legge Stato-Nazione ebraica, Barenboim: "Eʼ lʼapartheid"

Il direttore dʼorchestra boccia la legge che identifica Israele come "lo Stato nazionale del popolo ebraico": "Mi vergogno di essere israeliano".

Legge Stato-Nazione ebraica, Barenboim: "E' l'apartheid"

Gli israeliani "promettevano libertà di culto, di coscienza, di lingua, di educazione, di cultura. Ma il governo ha approvato una legge che sostituisce il principio di giustizia e i valori universali con nazionalismo e razzismo". Questa l'aspra critica di Daniel Barenboim alla legge sullo Stato della Nazione ebraica che la Knesset (il parlamento monocamerale israeliano, ndr) ha approvato giovedì 19 luglio. Cittadino argentino e spagnolo, Barenboim è un celebre pianista e direttore d'orchestra di origini ebraiche, con cittadinanza onoraria della Palestina. Dal 1992 dirige l'Opera di Stato di Berlino e dal 2011 al 2014 anche il Teatro alla Scala di Milano.

"Mi vergogno di essere israeliano"La legge, tra le altre cose, introduce due provvedimenti. Il primo: l'impegno nazionale nell'estensione degli insediamenti ebraici all'interno dei territori palestinesi. Il secondo: la rimozione dell'arabo, che guadagnerà uno "status speciale", dalle lingue ufficiali del paese.
Nell'intervista rilasciata al quotidiano israeliano Haaretz, il musicista non risparmia parole di sdegno per il parlamento nazionale: "Gli arabi in Israele diventano cittadini di seconda classe. Questa è una forma molto chiara di apartheid". Vengono fatti anche riferimenti storici: "Non riesco a capacitarmi che il popolo ebraico sia sopravvissuto 2000 anni, malgrado le persecuzioni e infiniti atti di crudeltà, per trasformarsi adesso in un oppressore che tratta crudelmente un altro popolo. Ma questo è esattamente ciò che fa la nuova legge. Pertanto oggi mi vergogno di essere israeliano".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali