FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Lʼultimo messaggio di Mariam su Youtube: "Aiutatemi, ho paura"

La 18enne italo-egiziana massacrata a Londra da una gang di bulle aveva raccontato in un video il suo calvario per problemi di salute

"Ho bisogno di aiuto, la mia vita è in pericolo". Così, in un video postato su Youtube a ottobre, Mariam Moustafa, la 18enne italo-egiziana massacrata di botte a Londra da una gang di bulle, aveva deciso di raccontare il suo calvario. Aveva un problema di salute che la angosciava fin dalla nascita. La giovane pestata dal branco e morta dopo tre settimane di coma, dunque, non era solo importunata da quelle ragazze che, come raccontato dalla madre, le avevano rotto una gamba in precedenti episodi di violenza, ma era preoccupata per quel cuore che faceva le bizze e che l'aveva fatta entrare e uscire dagli ospedali di Italia e Gran Bretagna.

"Io continuo a non sentirmi bene, ho difficoltà a respirare. I medici mi hanno detto che devo prendere assolutamente il Lasix - raccontava Mariam in quel video tra i sospiri e mostrando i referti ospedalieri, - perché altrimenti il sangue potrebbe non arrivare più al cervello: senza il Lasix rischio di morire". "Questo non è un gioco - sottolinea la ragazza - ho bisogno del vostro aiuto". "Non esco più, non sto più andando al college. Aiutatemi, ho davvero paura di morire", le sue ultime parole.

E' con questi termini che Mariam Moustafa parlava della sua odissea negli ospedali, delle diagnosi che le sono state fatte, con tanto di referti, sia in Italia che a Londra. La 18enne afferma nel filmato di aver chiamato addirittura la polizia londinese, che però non fece nulla per lei. "Al Queen Hospital mi hanno detto che mi avrebbero procurato uno specialista, ma non è mai successo", ricorda.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali