FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Lʼannuncio del principe Carlo: "Da re non vivrò a Buckingham Palace"

Il primogenito di Elisabetta II intenderebbe rompere con le tradizioni e continuare a vivere nella più confortevole Clarence House

Il principe Carlo ha annunciato la sua decisione di rinunciare, una volta asceso al trono britannico, alla storica residenza di Buckingham Palace. Una volta re, il primogenito di Elisabetta II intenderebbe rompere con le tradizioni e continuare a vivere nella più confortevole Clarence House. Il palazzo londinese, dove attualmente abita insieme alla moglie Camilla, diventerebbe così la nuova sede della Corona.

Il destino di Buckingham Palace - L'attuale residenza di Elisabetta II diventerà una sorta di quartier generale, con uffici e sale di ricevimento. Il grande palazzo (775 stanze) sarà aperto al pubblico per tutto l'anno. La sera, una volta concluse le attività ufficiali, Carlo e la moglie faranno ritorno nella loro abitazione di quattro piani al di là del Mall.

Le polemiche - La notizia ha sconcertato gli inglesi per l'indelicatezza nei confronti della Regina e per la rottura con le tradizioni della monarchia. Per di più, Buckingham Palace si appresta ad essere oggetto di lavori di restauro imponenti, in gran parte a carico dei contribuenti. La ristrutturazione dovrebbe durare dieci anni e costerà circa 370 milioni di sterline.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali