FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Kiev, il giornalista anti-Cremlino Babchenko è vivo: ha finto la morte per sfuggire a un omicidio

"Ringrazio gli 007, mi hanno salvato la vita", ha affermato il cronista, che ha combattuto in Cecenia e seguito la guerra in Georgia. Dal 2017 vive in Ucraina dopo aver ricevuto minacce

Arkady Babchenko, il giornalista russo anti-Cremlino dichiarato ucciso a Kiev, è vivo e ha inscenato la sua morte per sfuggire a un attentato nei suoi confronti. Lo hanno riferito i servizi segreti ucraini, precisando che "è stato scoperto un piano per assassinare il cronista ed è stata organizzata un'operazione speciale durante la quale sono state raccolte prove inconfutabili dell'attività terroristica dei servizi speciali russi".

"Gli 007 mi hanno salvato la vita" - "Chiedo scusa a tutti, e anche a mia moglie, per l'inferno che hanno dovuto sostenere, ma non c'era altra alternativa. Ringrazio i servizi ucraini per avermi salvato la vita", ha dichiarato Babchenko in conferenza stampa. "L'operazione speciale è stata preparata per due mesi, io sono stato messo al corrente un mese fa. Hanno lavorato come matti e l'operazione ha portato alla cattura di un uomo".

Babchenko ha prestato servizio nell'esercito russo durante le guerre in Cecenia, prima di diventare giornalista. Ha lavorato come corrispondente militare per diversi organi di stampa russi, compresa la testata dell'opposizione Novaya Gazeta, impegnato a raccontare i conflitti in Georgia e Ucraina.

Negli ultimi anni il reporter ha aspramente criticato le operazioni di Mosca in Siria e Ucraina. "Qui non mi sento più sicuro", aveva scritto elencando tutte le minacce che aveva ricevuto, anche da parte del deputato ultranazionalista Vitaly Milonov e dal senatore Frants Klintsevich. Il network Tsargrad, guidato da Alexander Dugin, definito da molti osservatori come l'ideologo di Putin (sebbene questa sia una tesi alquanto controversa), lo aveva ad esempio inserito al decimo posto dei 100 russofobi più pericolosi. Così lasciò la Russia nel febbraio 2017, riparando prima a Praga e poi a Kiev, preoccupato che in patria potesse anche venire incarcerato.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali