FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Jamal Khashoggi, Riad: giornalista morto a seguito di una colluttazione

LʼArabia Saudita apre unʼinchiesta e arresta 18 sauditi. Rimosso dallʼincarico il generale Ahmed al-Asiri, un alto ufficiale dei servizi segreti coinvolto nella vicenda

Di fronte alle richieste sempre più pressanti di chiarimenti da parte della comunità internazionale, e minacciata di sanzioni dal suo maggiore alleato, gli Usa, l'Arabia Saudita ha ammesso che il giornalista Jamal Khashoggi  è stato ucciso "in una colluttazione" nel consolato saudita di Istanbul. Ma sulla dinamica dell'episodio, e su dove sia finito il corpo, continua a regnare il mistero. Intanto diciotto cittadini sauditi sono stati arrestati.

La televisione di Riad ha fatto sapere che è stato rimosso dall'incarico il generale Ahmed al-Asiri, un alto ufficiale dei servizi segreti coinvolto nella vicenda, e che il re Salman intende presentare una proposta per riformare l'Intelligence.

Trump: sanzioni a Riad ma voglio parlare col principe - "Voglio parlare con il principe ereditario saudita prima di intraprendere i prossimi passi". Lo ha detto Donald Trump parlando con i giornalisti a bordo dell'Air Force One. Il presidente Usa ha quindi spiegato che per l'omicidio Khashoggi preferirebbe "un certo tipo di sanzioni" contro l'Arabia Saudita, salvando però gli accordi per la vendita di armi che se messi in discussione metterebbero in difficoltà società e posti lavoro americani..

Giovedì la procura di Istanbul ha interrogato come testimoni 15 dipendenti turchi della sede diplomatica di Riad. Tra loro contabili, tecnici, operatori telefonici e anche l'autista del console. Non c'era lui però alla guida del minivan nero modello Mercedes Vito con targa diplomatica ispezionato dai tecnici della scientifica turca utilizzando sostanze chimiche in grado di rendere evidenti tracce ematiche non visibili a occhio nudo. Sarebbe questo il mezzo con cui il corpo di Khashoggi - o i suoi resti - sono stati trasportati fuori dal consolato.

Prima, alle 15:09, poco meno di due ore dall'ingresso del reporter, nella residenza del console. Poi in una località lontana, forse la Foresta di Belgrado, il bosco meta di escursionisti alla periferia europea di Istanbul, dove in queste ore proseguono le ricerche della polizia. Nonostante le prime notizie sull'inchiesta saudita, l'immagine in Occidente di Riad, e in particolare del principe ereditario Mohammed bin Salman, appare sempre più compromessa. Boicottata dai ministri economici di Europa e Stati Uniti e dal Fondo monetario internazionale, la sua "Davos del deserto" inizierà martedì decimata dalle defezioni. In questi giorni ha annunciato il forfait un altro gigante economico, Airbus, che si unisce a diverse grandi aziende e banche, da Uber a Hsbc, e ai big dell'editoria Usa, tra cui Cnn e New York Times. Il segretario al Tesoro americano, Steve Mnuchin, anche lui tra i disertori dell'evento, sarà però a fine mese a un incontro sulla lotta al terrorismo a Riad. E sul caso alzano la voce anche gli avversari dell'Arabia Saudita in Medio Oriente. Dal Libano il capo di Hezbollah, Hassan Nasrallah, l'ha invitata a prendere una decisione "coraggiosa" e porre fine alla guerra in Yemen, sostenendo che "l'immagine nel mondo dell'Arabia Saudita è al suo minimo storico".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali