FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Isabel dos Santo, la donna più ricca d'Africa, è accusata di essersi arricchita sulla pelle della popolazione dell'Angola

Con un patrimonio di oltre due miliardi di dollari avrebbe accumulato le sue fortune sfruttando le ricchezze e la gente del suo Paese, lʼAngola, e usando lʼarma della corruzione

Si è arricchita a scapito della propria gente. E' questa la gravissima accusa rivolta in Angola, sempre con maggior insistenza, a Isabel Dos Santos, figlia di José Edoardo Dos Santos, il presidente che ha guidato il Paese per 38 anni, arricchendosi (lui e la sua famiglia) a dismisura. Una Corte di Luanda, capitale dell'ex colonia portoghese, è passata all'azione, sferrando un attacco a Isabel e ordinando il congelamento dei beni dell'ex first daughter. Isabel Dos Santos, secondo Forbes, possiede una fortuna personale stimata in più di 2 miliardi di dollari. Ma sarebbero tutti soldi sporchi. E da quando, nel 2017, il padre lasciò lo scranno più alto del Paese al successore, Joao Lourenço, per lei è cominciata una irrefrenabile discesa. Fino ad oggi, con il congelamento dei suoi beni.

I fatti - Isabel dos Santo viene indagata per corruzione nel 2018 in Angola. È poi finita sotto inchiesta anche in Portogallo e ha deciso di prendere la residenza ufficiale negli Emirati Arabi Uniti, ma vive di fatto a Londra, dove si è laureata al King's college e dove conta diverse proprietà. A sostenerlo è la Bbc, giunta in possesso di nuovi documenti che confermerebbero il sospetto della illiceità dei suoi affari aprendo la strada a nuove azioni giudiziarie nei suoi confronti.

Figlia dell'ex presidente dell'Angola Jose Eduardo dos Santos che ha governato il Paese per 38 anni, dal 1979 al 2017, e della sua prima moglie, Tatiana Kukanova, originaria dell'Azerbaigian, Isabel ha incontrato a Londra suo marito, Sindika Dokolo, un collezionista congolese figlio di una danese e di un milionario di Kinshasa. Si sono sposati nel 2002 a Luanda, con una festa per mille invitati costata 4 milioni di dollari.

La fortuna maggiore per Isabel, e per suo marito, giunge con una serie di accordi di favore ottenuti, con l'aiuto del padre presidente, su terre, petrolio, diamanti e telecomunicazioni. Lei nega, affermando che le accuse contro di lei sono del tutto false e che esiste una caccia alle streghe a scopi politici portata avanti dal governo angolano. Ora, però, la stampa ha avuto accesso a oltre 700mila documenti relativi al suo impero, ottenuti in gran parte dalla piattaforma per la protezione degli informatori in Africa e condivisa con il consorzio internazionale dei giornalisti investigativi (Iclj che ha dato al dossier il nome di 'Luanda leaks').

Una delle operazioni più sospette è stata gestita da Londra attraverso una consociata britannica della compagnia petrolifera statale angolana Sonangol, affidata dall'allora presidente nel 2016 alle cure della figlia. Nonostante il successore fosse un suo delfino, Isabel fu licenziata due mesi dopo.

La Bbc pubblica, fra l'altro, le foto di alcuni rendiconti in cui risulta che, mentre lasciava Sonangol, Dos Santos ha approvato 58 milioni di dollari per pagamenti sospetti a una società di consulenza di Dubai chiamata Matter Business Solutions, intestata e diretta da persone a lei vicine. Altri documenti gettano seri sospetti su un'altra serie di operazioni. I suoi difensori negano che le complesse operazioni finanziarie della regina d'Africa fossero illecite. Ma intanto le inchieste vanno avanti e si estendono a macchia d'olio.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali