FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Iran, in mostra oltre 200 vignette anti Isis: concorso provocatorio dopo Charlie Hebdo

La competizione, a cui hanno partecipato artisti da almeno 40 Paesi, vedrà la sua premiazione domenica. Alcune di esse, però, attaccano anche Stati Uniti e Israele

Iran, in mostra oltre 200 vignette anti Isis: concorso provocatorio dopo Charlie Hebdo

Sull'Isis vince la satira. A Teheran, infatti, è stata organizzata una mostra di vignette contro lo Stato Islamico. Il concorso assume un valore simbolico se si pensa all'attentato di inizio anno contro Charlie Hebdo. L'Iran è impegnato nell'attività internazionale a sostegno dell'esercito iracheno contro le milizie di Al Baghdadi; una scelta che ha anche motivazioni religiose, vedendo opposti la Teheran sciita e il Califfato sunnita.

Iran, in mostra oltre 200 vignette anti Isis: concorso provocatorio dopo Charlie Hebdo

Oltre 800 i disegni arrivati agli organizzatori da artisti di almeno 40 Paesi. Per l'esposizione, che si concluderà con la premiazione di domenica, ne sono state scelte 280; alcune di esse, però, attaccano anche Stati Uniti e Israele. A riportare la notizia è il sito irancartoon.com, che rimanda al sito arabo della manifestazione, dove è visibile la galleria completa.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali