FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

India, vescovi lanciano un sito internet per incentivare i matrimoni tra caste

"Aiuterà i giovani a trovare dei partner per la vita che vogliono andare al di là della mentalità di casta", afferma Devasagaya Raj, presidente dellʼUfficio per le caste e i gruppi tribali svantaggiati.

India, vescovi lanciano un sito internet per incentivare i matrimoni tra caste

La Conferenza episcopale indiana lancia un sito internet per incoraggiare i matrimoni tra le caste. Queste rigide divisioni della società, sebbene abolite dalla costituzione del 1950, esistono tutt'ora al punto che esiste perfino un "Ufficio per le caste e i gruppi tribali svantaggiati" dell’episcopato. Come riporta AsiaNews, per la Chiesa l’obiettivo è contrastare la discriminazione contro i dalit, letteralmente "gente svantaggiata", per superare questo tipo di mentalità estremamente chiusa e conservatrice.

La presentazione - Il sito internet è stato presentato all'Indian Social Institute di Bangalore alla presenza di 110 partecipanti ad un seminario su questo tema. Gli astanti, tra cui segretari diocesani e regionali della commissione per le caste svantaggiate, si sono impegnati ad attuare il piano d'azione nelle 174 diocesi cattoliche indiane.

Il commento - Padre Devasagaya Raj, segretario nazionale dell'Ufficio, ha sottolineato che "incoraggiare i matrimoni tra le caste è una delle raccomandazioni della politica per i dalit della Conferenza episcopale indiana". Il sito internet, ha aggiunto, "aiuterà i giovani a trovare dei partner per la vita che vogliono andare al di là della mentalità di casta. Allo stesso tempo, anche i non dalit che non credono nel sistema della divisione in caste potranno trovare il proprio partner grazie al sito".

I numeri - La Costituzione indiana del 1950 ha vietato la parola pariah, "intoccabile", a favore di dalit, ma ancora oggi gli ex "intoccabili" cattolici rappresentano circa in 60% del numero totale dei fedeli, cioè 12 milioni su 19. Il totale dei Cristiani in India è di circa 27,8 milioni, il 2% della popolazione totale.

La persecuzione - I dalit, da sempre posti ai margini della società, sono stati anche le principali vittime della feroce persecuzione settaria nel distretto di Kandhamal in Orissa. In quell'occasione, nell'agosto 2008, i fondamentalisti indù colpirono i Cristiani del distretto, in maggioranza appartenenti a caste tribali e dalit, e tutti coloro che lavoravano per migliorare le condizioni di vita della popolazione oppressa.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali