FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Il ritorno dell'olio di palma: la guerra in Ucraina lo ripresenta sulle tavole degli italiani

Con il blocco delle esportazioni, il tema dell'ecosostenibilità passa in secondo piano: Indonesia e Malesia conquistano nuove fette di mercato

olio di palma indonesia deforestazione sumatra
-afp

Per anni si è cercato di limitarne l'uso per ragioni ambientali.

Adesso l'

olio di palma

torna sulle nostre tavole "grazie" alla guerra in Ucraina. Il conflitto sta mettendo in crisi le spedizioni di

olio di girasole

e l’industria alimentare torna a puntare su quello di palma. Un prodotto molto adatto alla produzione ma che si è rivelato

poco ecosostenibile

. A riportare la notizia è Bloomberg Businessweek.

 


La produzione di olio di palma ha causato nel tempo la

distruzione delle foreste pluviali

nel

sud-est asiatico

,

 

soprattutto in Indonesia e Malesia, compromettendo anche l'habitat di una specie in via d'estinzione come gli

oranghi


 


Dopo anni passati a cercare alternative, i produttori avevano deciso di puntare sull’olio di girasole. Adesso, però, tutti i loro sforzi si scontrano con il fatto che la

guerra in Ucraina

ha interrotto più della metà delle forniture globali dell’olio di girasole. Un prodotto che si trova in patatine, biscotti e burri vegetali. 


 


L’azienda inglese Iceland foods, ad esempio, nel 2018 aveva preso l’impegno di eliminare l’olio di palma da tutti i suoi alimenti, mentre ora si è vista costretta a utilizzare palma sostenibile certificata in almeno venticinque prodotti. Una conseguenza inaspettata del conflitto in Ucraina. 


 


Complessivamente Russia e Ucraina forniscono circa il

65%

dell'olio di girasole di tutto il mondo, il 25% del grano, il 20% dell'orzo e il 18% del mais. Con la guerra si sono innescati ritardi nei raccolti, problemi di trasporto e un aumento dei prezzi dei generi alimentari. 


 


I Paesi produttori di olio di palma stanno cogliendo l'opportunità di

riconquistare quote di mercato

. E se l’Indonesia, il primo investitore mondiale, ha introdotto delle restrizioni alle esportazioni per tutelare i consumi interni, la

Malaysia

ha confermato la sua volontà di soddisfare l’aumento della domanda.


 


In questo scenario, alcune aziende alimentari sono tornate ad acquistare olio di palma a condizione che i produttori non distruggano le foreste e garantiscano buone condizioni di lavoro. Attualmente, però, solo

un quinto dell’olio di palma prodotto in tutto il mondo ha la certificazione di sostenibilità.


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali