FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il presidente uscente del Gambia non lascia, le truppe Senegal verso la Capitale

Prova di forza per favorire lʼinsediamento del presidente eletto Adama Barrow - che attualmente risiede a Dakar - e convincere il presidente uscente Yahia Jammeh a lasciare il potere

Il presidente uscente del Gambia non lascia, le truppe Senegal verso la Capitale

Truppe senegalesi, che sostengono il presidente eletto del Gambia Adama Barrow, hanno attraversato il confine con il Paese e si stanno dirigendo verso la capitale Banjul, dove risiede il presidente uscente Yahia Jammeh. Lo riporta la Bbc online, secondo cui Jammeh rifiuta di lasciare il potere nonostante abbia perso le elezioni.

La situazione è incandescente nel piccolo paese africano, con meno di due milioni di abitanti e che si affaccia sull'oceano Atlantico. Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite aveva approvato una risoluzione di appoggio a Barrow e aveva invitato l'ex leader Jammeh a lasciare pacificamente il Paese. "L'Italia ha votato con convinzione a favore della risoluzione, ritenendo che questo Consiglio debba fare sentire la sua voce in queste ore cruciali per il futuro del Gambia e per la stabilità della regione", ha detto il rappresentante permanente italiano all'Onu, Sebastiano Cardi.

L'ambasciatore ha espresso "pieno appoggio agli sforzi di diplomazia preventiva nei quali è impegnata la comunità internazionale".

Cardi ha lodato la mediazione dell'Ecowas - l'organizzazione che raggruppa i Paesi dell'Africa occidentale -, e il sostegno del Consiglio per la Pace e la Sicurezza dell'Unione Africana quali "chiari esempi della leadership e dell'impegno africani".

Il Rappresentante italiano ha sottolineato come tutto ciò dimostri l'importanza di azioni rapide e efficaci per raggiungere soluzioni politiche alle crisi, come anche auspicato dal nuovo segretario generale Antonio Guterres. L'impegno dell'Italia sulla risoluzione, secondo fonti della Rappresentanza, riflette la convinzione che la stabilizzazione dell'Africa occidentale non potra' che contribuire positivamente ad alleviare le tensioni che si riflettono sul Mediterraneo, in termini di traffici illeciti, terrorismo e criminalità.

La mossa militare - partita dopo che Barrow ha prestato il giuramento presidenziale presso l'ambasciata a Dakar - era stata annunciata dai comandanti militari delle truppe dell'Ecowas, che si erano spostate verso il confine tra i due Paesi. Lo scorso 23 dicembre i leader Ecowas avevano minacciato di intervenire militarmente nel caso in cui Jammeh non avesse lasciato il potere. Oltre al Senegal, che circonda completamente il Gambia, anche la Nigeria ha inviato aerei e truppe e una nave da guerra.

Al momento non si hanno notizie di scontri. Il portavoce dell'esercito del Senegal - scrive l'Ap - ha detto che le sue truppe hanno attraversato il confine e sono entrate nel Paese vicino per "convincere" Jammeh a cedere il potere, il cui mandatoè' scaduto a mezzanotte. I militari intendono dirigersi verso la capitale Banjul. Barrow è sostenuto dalla comunita' internazionale ed è stato eletto con il 43,3% dei voti contro il 39,6% del rivale. Jammeh al potere dal 1994, ha denunciato brogli elettorali e ha anche proclamato uno stato d'emergenza di 90 giorni. Il Paese è una meta turistica. Due giorni fa sono stati organizzati voli speciali per centinaia di britannici che hanno deciso di lasciare il Paese.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali