FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il leone Cecil è solo la punta dellʼicebergIn Africa il tariffario per ricchi cacciatori

Lʼuccisione dellʼanimale in Zimbabwe da parte di un dentista americano ha riacceso il riflettori su un fenomeno che non accenna a fermarsi: quello di facoltosi amanti dei safari che pagano per uccidere qualsiasi tipi di specie. Il tutto alla luce del sole, con tanto di siti che propongono le loro "offerte"

Il leone Cecil è solo la punta dell'icebergIn Africa il tariffario per ricchi cacciatori

L'uccisione del leone Cecil ha scatenato un polverone sul dentista americano Walter James Palmer. L'opinione pubblica di tutto il mondo si è sollevata, sdegnata dalle foto giunte dallo Zimbabwe. Lo sterminio di qualsiasi tipo di specie animale in Africa prosegue però ormai da anni. I killer non sono solo bracconieri e trafficanti, ma spesso insospettabili professionisti occidentali. Medici, modelle, facoltosi di ogni genere, oppure semplici amanti della caccia desiderosi di provare brividi nella savana. Il tutto alla luce del sole: basta cercare su internet per farsi un'idea di cosa può offrire l'Africa in questo senso.

Il leone Cecil è solo la punta dell'icebergIn Africa il tariffario per ricchi cacciatori

Tariffe per diverse tasche - Sembra difficile da credere, ma cacciare animali, anche protetti, nel Continente nero, è tutt'altro che impossibile. Anzi è legale. Perlomeno affidandosi ad alcuni siti web, vetrina di gruppi con sede in diversi Paesi (come Namibia e Sudafrica), che propongono pacchetti completi per un macabro soggiorno. Alloggi in resort esclusivi, tutti i comfort e, ovviamente, armi e licenze. Il cacciatore, dopo aver raggiunto la località scelta, può spulciare i tariffari per la caccia, disponibili comunque anche in Rete e consultabili da chiunque.

Quanto costa uccidere un animale - Si parte dagli uccelli: per sparare a qualche volatile bastano poche decine di dollari. Salendo di taglia, si passa a piccoli mammiferi, come gatti selvatici e sciacalli; qui è necessario "scucire" anche dai mille ai tremila dollari. Se però si vuole provare l'emozione di sparare a un pericoloso predatore, il costo si impenna. Per uccidere un leopardo servono 16mila dollari, 12mila per un coccodrillo, fino al trofeo massimo: il leone, per il quale il prezzo raggiunge i 49mila dollari. Nel mezzo, antilopi, elefanti, zebre e giraffe.

All inclusive - I facoltosi cacciatori non sono veri "Rambo". Nelle loro battute vengono accompagnati da guide locali, armati di tutto punto, si muovono su mezzi blindati e spesso sparano a obiettivi precedentemente intontiti con sostanze calmanti. Anzi, più volte gli animali provengono da allevamenti e liberati appositamente per la caccia; in un habitat sconosciuto, sono obiettivo fin troppo facile. Dopo l'uccisione, è possibile scattare foto ricordo oppure portarsi a casa un ricordo, in base a quanto sborsato.

Tutto legale - Queste "vacanze" sono del tutto legali, gli organizzatori non incorrono a sanzioni o punizioni. Probabilmente i veri responsabili sono da cercare nelle istituzioni e nei governi locali, che permettono questi soggiorni. Attirati dal giro d'affari e dai soldi portati dagli occidentali.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali