FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Hong Kong, i giovani manifestanti guidano la protesta su Tinder e Pokemon Go

I ragazzi utilizzano le nuove App per aggirare i controlli della polizia

Hong Kong, i giovani manifestanti guidano la protesta su Tinder e Pokemon Go

A Hong Kong i giovani manifestanti hanno preso d'assalto App come Tinder e Pokemon Go per diffondere informazioni sulle proteste e aggirare i controlli della polizia. Il sito d'incontri e il gioco tanto amato dagli adolescenti perdono le loro funzioni originarie per divenire mezzi di propaganda, come spiega il quotidiano tedesco Bild. "Quando ho un nuovo contatto su Tinder - spiega Kim, giovane manifestante di 22 anni - gli mando un messaggio per pubblicizzare le nostre iniziative".

Invece dei vecchi volantini, i manifestanti ricevono informazioni utili per le proteste direttamente sul proprio smartphone. Inizialmente, venivano usate app come Telegram ma con l'inasprirsi dei controlli, quest'app è stata abbandonata perché finita sotto la vigilanza della polizia. 
 
A fine agosto, ad esempio, dopo che una manifestazione fu proibita dalle autorità, i ragazzi si riunirono con il pretesto di giocare a Pokemon Go. "Dobbiamo essere più furbi del governo e della polizia - continua Kim - altrimenti non abbiamo chance". 
 
Già nel corso delle primavere arabe la tecnologia divenne strumento nelle mani dei manifestanti, che iniziarono a diffondere le loro idee via Facebook, considerato un mezzo più veloce e sicuro per le comunicazioni.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali