FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Giappone, distrutto in incendio il castello Shuri di Okinawa: è un patrimonio dell'Unesco

Fortunatamente non ci sono stati feriti. Inutile lʼintervento di dieci squadre dei vigili del fuoco

E' andato completamente distrutto in un incendio l'edificio principale del castello di Okinawa, nel capoluogo Naha, e considerato Patrimonio dell'umanità. Le autorità locali hanno reso noto che le fiamme, di cui ancora non si conoscono le cause, sono divampate nelle prime ore del mattino di giovedì e poco hanno potuto fare le oltre 10 autobotti dei vigili del fuoco, accorse quasi immediatamente. La polizia ha comunicato che si esclude la presenza di feriti.

L'antico castello Shuri è una delle principali attrazioni turistiche nell'isola a sud ovest dell'arcipelago e risale al regno Ryukyu, che governò sul territorio per 450 anni, prima dell'integrazione di Okinawa da parte giapponese, nel 1879. Sebbene il castello venne seriamente danneggiato durante i bombardamenti statunitensi, nel corso della Seconda guerra mondiale, il complesso fu parzialmente restaurato e aperto al pubblico all'interno di un parco nazionale nel 1992. Nel dicembre del 2000 il sito è diventato l'undicesimo Patrimonio dell'umanità in Giappone.

Il castello Shuri di Okinawa distrutto in incendio 

LEGGI ANCHE: Sfilata di Re e Regine per l'incoronazione di Naruhito

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali