FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Gerusalemme capitale, un negozio palestinese bandisce cani e americani

In uno store di Gerico è comparso un cartello contro la decisione americana di riconoscere la Città Santa come esclusiva dello Stato di Israele

Gerusalemme capitale, un negozio palestinese bandisce cani e americani

Durante il nazismo erano i commercianti tedeschi a esporre i cartelli contro gli ebrei con la scritta "Vietato l'ingresso a giudei e cani". La storia si ripete e in un negozio di Gerico in Cisgiordania è apparso un manifesto simile stavolta scritto da un palestinese: "Vietato l'ingresso ai cani e agli americani". In una intervista alla tv israeliana Canale 10, il proprietario palestinese  dello store ha motivato il suo gesto contro la decisione di Trump che non aveva il diritto di fare "una tale scelta", riferendosi all'annuncio della Casa Bianca di considerare Gerusalemme come nuova ed esclusiva capitale dello Stato israeliano.

"Al-Quds (Gerusalemme) - ha aggiunto il commerciante, citato dai media - è la capitale della Palestina". L'uomo ha detto poi di non aver agito "per motivi razzisti: è il popolo americano che ha scelto Trump e per me sono della stessa pasta, e anche loro soffriranno per questa scelta".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali