FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Germania, Corte suprema respinge divieto a partito neonazista

Secondo i giudici, il gruppo xenofobo non pone una reale minaccia allʼordine democratico

Germania, Corte suprema respinge divieto a partito neonazista

La Corte suprema tedesca ha respinto la domanda del Bundesrat, il Senato federale, di vietare il partito neonazista Npd in Germania, sostenendo che il gruppo xenofobo non pone una reale minaccia all'ordine democratico. La richiesta era stata presentata alla fine del 2013. "Npd - ha detto il presidente della Corte, Andreas Vosskuhle - persegue obiettivi anticostituzionali, ma non c'è al momento una prova concreta che suggerisca che ce la possa fare".

Il partito di estrema destra tedesca raggiunge infatti livelli bassissimi di consenso, è rappresentato soltanto nei Comuni, l'ingresso al Bundestag viene impedito dalla soglia minima del 5%, e ha un solo rappresentante nel Parlamento europeo.

Secondo tentativo fallito di bandire l'Npd - E' la seconda volta che un tentativo di far bandire il partito dalla corte costituzionale fallisce. Il primo ricorso, avviato dal governo e dalle camere parlamentari, fu rigettato nel 2003. Stavolta soltanto il Bundesrat (Camera federale) ha agito contro gli estremisti di destra, per provare a farli fuori definitivamente dalla scena politica.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali