FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

George Floyd, la figlia di 6 anni ancora non sa come è morto il papà

"Mi manca" ha detto Gianna Floyd intervistata con la madre che ha spiegato di aver detto alla bambina della morte del padre ma non di come sia successo

George Floyd, la folla sfida il coprifuoco a New York: proteste anche in altre città

Gianna Floyd, la figlia di 6 anni di George, l'afroamericano ucciso a Minneapolis mentre veniva arrestato, è stata intervistata dalla Abc insieme alla madre Roxie Washington. "Voglio che la gente sappia che mi manca il mio papà", ha detto la piccola. La madre ha spiegato di non avere ancora trovato il modo per raccontare alla bambina quanto accaduto. "Le ho solo detto che suo padre è morto perché non poteva respirare". 

Gianna ha poi confidato alla giornalista di Abc di voler fare il medico da grande "per prendersi cura degli altri".

 

Martedì Roxie Washington aveva tenuto proprio assiema alla figlia una conferenza stampa: "Voglio giustizia per George. Voglio giustizia per George perché era buono - aveva detto la donna -. Lo hanno strappato a Gianna. Alla fine loro tornano a casa dalle loro famiglie. lei invece non ha più un padre. George non la vedrà mai crescere, laurearsi e non l'accompagnerà mai all'altare".

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali