FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Gentiloni allʼOnu: "Sullʼimmigrazione serve una risposta globale"

Il premier allʼassemblea generale delle Nazioni Unite: "La stabilizzazione in Libia è un obiettivo prioritario". Poi sulla Siria: "Accertare la responsabilità di chi ha commesso crimini atroci"

"L'Italia è e vuole restare un Paese di accoglienza, pur nella consapevolezza del legame inscindibile fra il principio di solidarietà e quello della sicurezza". Lo ha detto il premier Paolo Gentiloni intervenendo all'assemblea generale dell'Onu. "Per consolidare la nostra azione abbiamo però la necessità di una risposta globale al fenomeno migratorio - ha aggiunto - che parta dalla Ue e tocchi l'intera comunità internazionale".

Gentiloni ha spiegato che "la Libia è il tassello fondamentale per restituire al Mediterraneo centrale il proprio ruolo storico di motore di civiltà, pace e sicurezza. La sua stabilizzazione è un obiettivo prioritario, che dobbiamo raggiungere attraverso un dialogo inclusivo, nel quadro dell'Accordo Politico, rifiutando qualunque velleitaria ipotesi di soluzione militare".

"Il futuro dell'Europa è in Africa" - Il presidente del Consiglio ha detto che "il futuro dell'Europa è in Africa". "L'Italia - ha proseguito - è già promotrice di un vero partenariato con i paesi africani. È investendo in Africa che si affrontano anche le cause profonde delle migrazioni, in primis le disuguaglianze economiche e demografiche. L'approccio integrato e strutturale in cui crede l'Italia sta già dando i primi risultati positivi".

Siria, "serve una transizione politica inclusiva" - Il premier italiano ha parlato della situazione in Siria, sottolineando che "l'unica strada per una soluzione durevole è un processo politico realistico e credibile. Non possono esserci stabilità, pace e ricostruzione, né tantomeno una vittoria durevole sul terrorismo, senza una transizione politica inclusiva, che riunisca le diverse componenti della società siriana". Gentiloni ha quindi chiesto giustizia, accertando "le responsabilità di chi ha commesso crimini atroci in questi anni, a partire dall'uso di armi chimiche".

Venezuela, "comunità internazionale risponda in modo fermo e coeso" - Nel suo intervento Gentiloni ha affrontato anche la crisi in Venezuela, parlando di una "situazione senza precedenti" che "richiede una risposta ferma e coesa della comunità internazionale. Siamo impegnati in tal senso in ambito europeo, ma riteniamo fondamentale che si mobiliti tutta la comunità internazionale, anche i tradizionali alleati del Venezuela, nell'interesse stesso del Paese e della sua stabilità, affinché si possa riavviare un percorso politico fondato sul dialogo".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali