FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Gender gap, nel 2017 lʼItalia fa peggio di Rwanda, Grecia e Filippine

Il 61,5% delle donne del Belpaese sono pagate in modo non adeguato o non ricevono alcun compenso

Gender gap, nel 2017 l'Italia fa peggio di Rwanda, Grecia e Filippine

Le pari opportunità tra donne e uomini restano un miraggio: per il 2017 il nostro Paese è in 82esima posizione su 144 totali in fatto di uguaglianza di genere. Solo l'anno scorso eravamo in 50esima posizione e nel 2015 sul gradino 41 della rapporto "Global Gender Gap Index 2017" elaborato dal World Economic Forum. A essere prese in considerazione sono state le disparità sul lavoro, sia in termini di partecipazione sia di salari, la rappresentanza politica e la salute.

Come va negli altri paesi - La graduatoria - che fotografa la differenze di opportunità all'interno di ogni singolo Paese e non il livello di crescita - è guidata dall'Islanda, davanti a Norvegia, Finlandia, Rwanda e Svezia. La situazione italiana è peggiore anche di quella di Grecia (78esima), Belize e Madagascar e supera di poco Birmania e Indonesia. In Europa solo Cipro (92esima) e Malta (93esima) sono più in basso in classifica.

Meglio dell'Italia Nicaragua e Filippine - Tra i dieci paesi più virtuosi rientrano anche Nicaragua, Slovenia, Irlanda, Nuova Zelanda e Filippine. La Francia è 11esima, la Germania 12esima, il Regno Unito 15esimo e il Canada 16esimo. Gli Usa perdono quattro posizioni e scendono alla 49esima. Al 100esimo posto la Cina, seguita da India (108), Giappone (114), Corea (118), Turchia (131) e Arabia Saudita (138). All'ultimo lo Yemen.

Allerta mondiale - Al di là delle eccellenze, l'allarme sul mancato gender gap è di tipo  mondiale: per la prima volta dal 2006, da quando viene calcolato dal Wef, il '"gap" globale di genere si è allargato, sia pure di poco, e l'uguaglianza ha fatto marcia indietro in tutti e quattro i campi (salute, istruzione, lavoro e rappresentanza politica) in cui viene misurata. In base all'indice 2017, il divario di opportunità tra i sessi a livello globale si è chiuso per il 68% contro il 68,3% del 2016. Resta da chiudere un residuo 32% per arrivare alla parità, ma al ritmo attuale ci vorranno 100 anni per farlo contro gli 83 anni stimati nel 2016 e nel lavoro serviranno 217 anni.

I motivi dell'arretratezza italiana - In Italia il gap di genere quest'anno risulta chiuso al 69% contro il 72% del 2016. Il principale motivo dell'arretramento sta nel maggiore divario nella rappresentanza politica, dove il divario si è ancora ampliato e la Penisola dal 25esimo posto del 2016 è passata al 46esimo di quest'anno, principalmente in relazione alla presenza di donne al governo (29esima da decima). Nella salute, il divario, pur restando minimo, si è un po' allargato rispetto al 2016 ed è bastato a far precipitare l'Italia dalla 77esima alla 123esima posizione. Tra i dati spicca quello dell'attesa di vita in salute, che per le donne è calata a 73,7 anni dai 74 anni del 2016, mentre per gli uomini è salita a 71,8 anni da 71.

Alla voce "istruzione" il gap è apparentemente quasi chiuso, ma alcuni campi restano di appannaggio maschile, come l'Information and Communication Technology dove le donne sono una minima frazione dei laureati. La situazione è pesante soprattutto in termini di opportunità nella vita economica, settore che vede l'Italia in un imbarazzante 118esimo posto (dal 117esimo dello scorso anno), legato alle disparità a carico delle donne nella partecipazione alla forza lavoro (89esimo posto), nei salari (126esimo) e nel reddito (103esimo). Tra i lavoratori scoraggiati, cioè che non cercano neppure un'occupazione, il 60,5% sono donne. Senza tralasciare i 513 minuti di lavoro giornaliero delle donne contro i 453 degli uomini, con l'aggravante che il 61% del lavoro delle donne non è pagato contro il 23% per gli uomini.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali