FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Gb, partorì davanti a uno strip club: appello social per ritrovare lo sconosciuto che l’ha aiutata

La donna venne respinta dallʼospedale. Il bimbo ora ha quasi un anno

Gb, partorì davanti a uno strip club: appello social per ritrovare lo sconosciuto che l’ha aiutata

Il piccolo Louis Hines ha quasi un anno. La sua è una storia speciale: è nato in strada, precisamente in un marciapiede di Londra, di fronte a uno strip club. Ora la sua mamma cerca lo sconosciuto che l’ha aiutata in quella difficile situazione, donandole una sciarpa. E per farlo si è rivolta, come sempre più spesso accade, a Facebook. “Alla persona che mi ha regalato la sua sciarpa - con cui ha avvolto il mio piccolo in quella fredda notte - chiedo: riuscirò mai a trovarti? Vorrei rendertela e presentarti il mio bambino”, ha scritto Lizzie Hine.

La storia - I ricordi di questo “miracolo di Natale” sono ben impressi nella memoria di Lizzie. Era il 22 dicembre dello scorso anno. La ragazza si è recata al University College London Hospital perché stava per partorire il bimbo. L’ospedale, però, le ha detto che non poteva essere ammessa perché il travaglio era iniziato da neanche due ore e mezza. Sarebbe dovuta tornare dopo sei ore. Non erano passati neanche 30 minuti che Louis, invece, doveva già nascere. E così è stato: davanti a uno strip club di Tottenham Court Road. “Louis era sano. E la sua nascita, paradossalmente, è stato un momento bellissimo, di gioia”.

A rendere speciale quella situazione tutte le persone che, anche involontariamente, hanno partecipato al parto e festeggiato con i neo genitori, urlando “E’ un miracolo di Natale”. “Ricordo ancora che vedevo le caviglie delle persone passarmi accanto. Ricordo perfettamente il momento in cui ho sentito Louis ‘uscire’. Ricordo quando ho iniziato a gridare: ‘E’ qui’. E ricordo anche la faccia incredula di mio marito”, ha scritto Lizzie. E poi il pensiero a quello sconosciuto, quello che le ha donato la sua sciarpa per proteggere il bimbo. “Condividete questa foto e ne sarò felice”, ha concluso Lizzie. Una foto che immortala quel momento unico, questa favola di Natale.

Recentemente, dopo aver appreso la storia di Lizzie, l’ospedale University College London si è scusato con la donna. “Abbiamo aperto un'inchiesta interna per indagare sull’accaduto e affinché ciò che è capitato alla signora Hines non succeda più”, ha fatto sapere l'ospedale tramite Buzzfeed.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali