FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Gb, lo sfogo della rifugiata ucraina: "Non sono una sfasciafamiglie"

Parla la 22enne finita sui tabloid per la storia d'amore con l'uomo che l'ha accolta in casa e che per lei ha lasciato la moglie e i figli

Sofiia Karkadym
Instagram

"Mi scrivono che sono una persona orribile, ma io non sono una sfasciafamiglie, non ho mai pensato o progettato di portare via quell'uomo da sua moglie".

Sofiia Karkadym

è in lacrime mentre racconta al Sun la sua versione del triangolo amoroso che da giorni occupa le pagine dei tabloid inglesi. Lei, rifugiata ucraina 22enne di Leopoli, si è innamorata dell'uomo che l'ha accolta in casa a Bradford. Lui,

Tony Garnett

, 29enne guardia giurata, ha mollato la moglie e i figli per rifarsi una vita con la ragazza.

"Non mi è mai passato per la testa di rovinare quella famiglia, mi piaceva - ha detto Sofiia -. Ho passato molto tempo con Lorna (la moglie di Tony, ndr) e ho cercato di aiutarla. Ma lei aveva due facce. I suoi continui sospetti, la tensione, hanno semplicemente spinto me e Tony più vicini. Ha creato questa situazione dicendo costantemente che stava succedendo qualcosa, ma non era così. La colpa è sua".


 



 


La ragazza ha spiegato che la relazione tra moglie e marito era già in crisi prima del suo arrivo. "E' stata una mia decisione di andarmene dalla loro casa e quando l'ho fatto Tony ha scelto di venire con me". Quando la notizia è finita sui tabloid, Sofiia è stata travolta dalle critiche. Qualcuno ha detto che per colpa sua le famiglie inglesi ora non vorranno più ospitare i rifugiati e persino la sua famiglia l'ha rinnegata.


 


“Dicono che a causa mia nessuno nel Regno Unito accetterà gli ucraini. Ora ogni famiglia penserà: 'Non posso accogliere una rifugiata perché mi porterà via mio marito'. La questione non riguarda più me, Tony e Lorna. Non potete capire cosa provo: ora mi scrivono che sono una persona orribile, che ho fatto una cosa negativa per il mio Paese. Ma non c'è nulla di vero".


 


"Smettetela di stuprarci": protesta in topless contro la violenza sessuale dei russi in Ucraina sul red carpet di Cannes

In topless e con i colori della bandiera ucraina sul corpo. Un'attivista francese del collettivo femminista SCUM si è introdotta sul red carpet del film di George Miller, "Three thousand years of longing", al Festival di Cannes, per protestare contro "la violenza sessuale sulle donne in Ucraina". Sul petto e sulla pancia - sopra i colori della bandiera - aveva la scritta "Smettetela di violentarci" riferendosi alle notizie di "stupri e torture perpetrate dalle forze russe in Ucraina". La donna è stata fermata durante la protesta.

Leggi Tutto Leggi Meno


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali