FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Gb, caso Charlie: lʼAlta corte di Londra annuncerà la decisione il 25 luglio

Cʼè anche un medico italiano fra gli esperti convocati dal giudice per decidere se il bimbo potrà essere sottoposto alla cura sperimentale

Gb, caso Charlie: l'Alta corte di Londra annuncerà la decisione il 25 luglio

La decisione dell'Alta corte di Londra sull'autorizzazione a una terapia sperimentale per Charlie Gard, il neonato gravemente malato sul cui mantenimento in vita sono contrapposti medici e genitori, sarà annunciata il 25 luglio. Lo ha reso noto il giudice investito del caso, che ha scosso e coinvolto l'opinione pubblica di tantissimi Paesi.

Il medico americano Michio Hirano, che si è proposto per la somministrazione della terapia sperimentale, sarà presente a Londra lunedì e martedì per visitare il bambino di undici mesi, che soffre di una malattia genetica neurodegenerativa, la sindrome da deplezione del Dna mitocondriale.

E c'è anche un medico italiano, dell'ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, fra gli esperti che il giudice Nicholas Francis ha convocato per decidere se il piccolo Charlie potrà essere sottoposto alla cura sperimentale.

Dopo aver messo in atto una massiccia campagna di appello in difesa della vita del figlio sui social, con l'hashtag #charliesfight - che è valsa l'attenzione di papa Francesco e del presidente Usa Donald Trump - i coniugi Gard hanno raccolto donazioni per 1,5 milioni di euro per finanziare le cure del piccolo negli Stati Uniti o in qualunque altro Paese.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali