FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Furto di 500 milioni di account Yahoo!, la Russia nega ogni coinvolgimento

Dopo le accuse degli Stati Uniti contro due spie russe e due hacker

Furto di 500 milioni di account Yahoo!, la Russia nega ogni coinvolgimento

"Abbiamo detto diverse volte che non si può parlare affatto di alcun coinvolgimento ufficiale di un qualunque ente russo, Fsb inclusa, in qualunque azione illegale nello spazio cibernetico". Lo precisa il portavoce di Putin, Dmitri Peskov, commentando l'annuncio fatto dal dipartimento di Giustizia americano di sospettare due spie russe dell'Fsb e due hacker che lavoravano per loro per il furto di 500 milioni di account di Yahoo! nel 2014.

"Quanto alle accuse che sono state avanzate contro alcuni cittadini russi, noi abbiamo appreso di questa situazione dai media, e per quanto sappiamo, tramite i canali ufficiali non abbiamo ricevuto nessuna informazione" dagli Stati Uniti, "e quindi purtroppo non conosciamo i particolari". Peskov ha quindi affermato che "la Russia è sempre stata interessata, e lo ha detto a diversi livelli, alla cooperazione nel campo della lotta alla criminalità cibernetica e per garantire la sicurezza cibernetica". "Riteniamo - ha proseguito il portavoce del Cremlino - che attualmente sia uno dei nostri obiettivi prioritari. Speriamo di ricevere anche informazioni ufficiali riguardo a questo caso".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali