FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Francia, bimba rapita: i fermati confessano, la madre è la mandante

I sequestratori sono schedati dai servizi e vicini all'estrema destra e ai movimenti "survivalisti" o prepper. La piccola e sua madre sono irreperibili

polizia francia
-afp

I tre sequestratori di Mia Montemaggi, la bambina di 8 anni rapita martedì nei Vosgi (est Francia), hanno confessato alla polizia che all'origine della loro azione c'è Lola Montemaggi, la madre della piccola. Secondo quanto trapelato, i tre sono schedati dai servizi e vicini all'estrema destra e ai movimenti "survivalisti" o prepper, gruppi che si tengono pronti a eventi catastrofici e possibili emergenze sanitarie. Bimba e mamma sono irreperibili.

I tre uomini si erano presentati alla porta di casa della nonna materna di Mia, alla quale il tribunale ha affidato la piccola - vietando che la madre potesse vederla da sola - affermando di essere dei servizi sociali e portando via, senza violenza, la bambina. Sono stati fermati nella banlieue di Parigi e portati in commissariato.

 

La madre di Mia - Mia, secondo gli inquirenti, potrebbe essere stata poi consegnata alla madre Lola, 28 anni, assente da casa da mercoledì. La donna era stata considerata inaffidabile e pericolosa per la piccola, al punto da subire il divieto di vederla da sola. La 28enne ha sempre rifiutato ogni collaborazione con i servizi sociali ed educativi, preferendo - a detta del procuratore che dirige le indagini - vivere "ai margini della societa'". A gennaio aveva espresso il desiderio di partire in camper e "far perdere le tracce".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali