FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Elezioni Israele, è testa a testa: la prima proiezione dà Netanyahu leggermente avanti

I primi dati dopo la chiusura dei seggi denotano una situazione incertissima, dove entrambi i candidati principali rivendicano la vittoria

Elezioni Israele, è testa a testa: la prima proiezione dà Netanyahu leggermente avanti

Seconda una prima proiezione relativa a 70 stazioni elettorali, il Likud di Benyamin Netanyahu è in testa con 35 seggi su 120, mentre "Blu-Bianco" di Benny Gantz ha 34 deputati. Lo dice la tv commerciale Canale 13. Nei primi exit poll pubblicati dalle tv Gantz aveva 36-37-37 seggi contro i 36-33-36 di Netanyahu, avanti come coalizione. Entrambi i contendenti si sono proclamati vittoriosi.

Secondo Canale 13, il blocco dei partiti di destra che sostengono Netanyahu dovrebbe contare alla Knesset 65 deputati, mentre i suoi avversari potrebbero disporre solo di 55. Le proiezioni sembrano quindi confermare lo scenario prefigurato dagli exit poll, che fotografavano un voto al fotofinish, il più incerto degli ultimi anni, per quello che si prospetta come una testa a testa che potrebbe andare avanti tutta la notte. Canale 12, assegna al partito "Blu-Bianco" di Gantz un vantaggio di 4 seggi alla Knesset (37 a 33), mentre la tv pubblica vede lo sfidante in testa di un solo seggio. Ad accrescere la confusione, entrambi i candidati cantano vittoria.

L'altro dato è l'incertezza che regna per i piccoli partiti che erano in predicato di portare ossigeno alle rispettive coalizioni: molto sono a rischio soglia di sbarramento per entrare alla Knesset, il 3,25%. Anche oggi come nei precedenti giorni, in vista della battaglia all'ultimo voto, è stata forte la pressione - da tutte le parti - per spingere gli elettori alle urne per un'elezione considerata come la più importante degli ultimi anni ma anche la più difficile da prevedere. Non a caso Benny Gantz ha martellato per giorni il pubblico chiamando alla svolta nei confronti dell'attuale governo mentre Netanyahu ha cavalcato nelle ultime settimane la tattica di gridare al pericolo che la sinistra - come lui preferisce definire i centristi di 'Blu-Bianco' di Gantz e Yair Lapid - fosse sul punto di prendere il potere.

Crollano i Laburisti: "Siamo sotto shock" - Il partito laburista di Avi Gabbai è uscito seccamente sconfitto nei tre exit-poll pubblicati dalle reti televisive israeliane secondo cui nella prossima Knesset avrà 7-8 deputati (su un totale di 120). Nelle politiche del 2015 - in cui si erano presentati soto la guida di Isaac Herzog e assieme al partito centrista di Tzipi Livni - i laburisti avevano ottenuto 24 seggi. "Si tratta di un fallimento duro e doloroso", ha ammesso la dirigente laburista Shelly Yechimovic. "E' il risultato peggiore che abbiamo mai conseguito nella intera storia del partito laburista. Siamo sotto shock".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali