FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Eʼ morta di fame Amal: la bimba di 7 anni diventata simbolo della guerra in Yemen

"Il mio cuore è spezzato. La mia bimba sorrideva sempre. Ora ho paura per i figli che mi rimangono", ha detto la mamma

Il suo corpicino pelle e ossa che giace sul letto di un ospedale nel nord dello Yemen era diventato il simbolo della guerra. La foto, scattata dal premio Pulitzer Tyler Hicks, era stata pubblicata sul "New York Times" per poi fare il giro della rete. Tanti lettori avevano chiamato e scritto alla redazione del quotidiano statunitense per chiedere come fare ad aiutare quella bambina dallo sguardo perso nel vuoto. Nessun aiuto però è servito: Amal Hussain, è morta a soli sette anni di fame e di sete in un campo profughi.

 "Il mio cuore è spezzato. Amal sorrideva sempre. Ora ho paura per i figli che mi rimangono", ha detto la mamma della piccola al "New York Times" durante la telefonata in cui ha annunciato la morte della sua bambina. La foto di Amal era stata pubblicata lo scorso 26 ottobre in un reportage intitolato "La Tragedia della guerra saudita" ed è diventata simbolo del conflitto in Yemen. Tyler Hicks - il fotografo che ha scattato la foto - ha raccontato, nei giorni scorsi, come fosse stato "difficile" fotografare Amal, ma allo stesso tempo "importante". 

Prima di pubblicare l'immagine il quotidiano statunitense aveva annunciato che le foto avrebbero potuto essere inquietanti. "C'è una ragione per cui abbiamo deciso di farlo. Abbiamo pensato che avremmo fatto un torto alle vittime di questa guerra se avessimo pubblicato immagini sterilizzate che non riflettono pienamente la loro sofferenza", avevano detto dal "New York Times".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali