FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Dazi, Pompeo: "Pronti a colpire il vino e il parmigiano" | Pressing sul 5G cinese

Il segretario di Stato Usa conferma che molti prodotti del settore agroalimentare italiano potrebbero finire nella lista di Washington. Sul 5G attacca: "Non rischieremo la nostra sicurezza nazionale"

Vino e parmigiano potrebbero essere colpiti dai dazi Usa. Lo ha annunciato il segretario di Stato Usa Mike Pompeo dopo la decisione presa dal Wto, che ha dato il via libera a Washington per la questione Airbus. La mossa dell'Organizzazione mondiale per il commercio, ha poi commentato Pompeo, "è quella che ci aspettavamo".

"L'Italia difenderà i suoi interessi nazionali su ogni campo, specie quello economico e commerciale", ha detto Luigi Di Maio replicando alle dichiarazioni del segretario di Stato Usa.

 

La questione del 5G cinese - Pompeo è tornato anche sulla questione del 5G cinese. "Se un'azienda italiana decide di investire o fornire attrezzature che hanno una rete che i nostri team di sicurezza nazionale ritengono rischiosa per la nostra privacy, allora dovremo prendere decisioni difficili", ha spiegato a SkyTg24 riguardo all'ipotesi di un ingresso del colosso cinese Huawei nel 5G italiano. 

 

"Partner dell'Italia, ma non a scapito della nostra sicurezza nazionale" - "La nostra sicurezza nazionale agisce in modo molto diretto - ha sottolineato - ogni volta che prendiamo delle informazioni di sicurezza, facciamo in modo di garantire la privacy dei nostri cittadini e che queste informazioni attraversino reti sicure. Dobbiamo capire i rischi". "Vogliamo essere partner dell'Italia ma non sacrificando la sicurezza nazionale americana - ha concluso - perché c'è il rischio che gli avversari oppure il partito comunista cinese abbiano accesso a queste informazioni".

 

L'ambasciata cinese: "5G è nell'interesse dell'Italia" - Immediata la replica di Pechino che, attraverso l'ambasciatore cinese a Roma, Li Junhua, "rifiuta fermamente le
accuse e ribadisce la volontà di impegnarsi per sviluppare il partenariato strategico globale con l'Italia". "Il segretario di Stato Usa Pompeo - sottolinea l'ambasciata - ha più volte puntato il dito contro la Cina, diffamandola volutamente. Il 5G non può danneggiare la sovranità e la sicurezza di alcun Paese" e "le aziende dell'ICT cinesi promuovono la cooperazione con i partner italiani, nel rispetto delle leggi italiane e nell'interesse dei cittadini".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali