FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, in Italia 531 nuovi casi e 50 morti in 24 ore | In Lombardia nessun decesso segnalato, ipotesi dati non trasmessi

Sessantamila "assistenti civici" che vigileranno sul rispetto delle regole della Fase 2 saranno reclutati tra i disoccupati. Intanto a Bergamo è stata dimessa lʼultima paziente dellʼospedale da campo

E' il primo weekend da liberi tutti: da Ostia a Mondello esplode la voglia di mare

In Italia si registrano 531 nuovi casi di coronavirus e 1.639 guariti in 24 ore. Cinquanta i morti in più, nessun decesso segnalato in Lombardia. Intanto si cercano 60mila "assistenti civici" per vigilare sul rispetto delle regole della Fase 2. Il bando si rivolgerà a "inoccupati, chi non ha vincoli lavorativi, percettori di reddito di cittadinanza, chi usufruisce di ammortizzatori sociali". A Bergamo dimessa l'ultima paziente dell'ospedale da campo.

E il fatto che, a una settimana dalle riaperture, i contagi non aumentano, secondo gli esperti è un buon segnale, il dato più significativo della giornata. Anche se l'avvertimento è che bisogna aspettare altre due settimane: se fra 15 giorni i contagi non aumenteranno ancora, "il segnale allora confermerà che la situazione è sotto controllo", spiega l'economista sanitario Cesare Cislaghi. Ma il virus, dice l'esperto "continua a circolare".

 

Per quanto riguarda gli zero decessi in Lombardia, era già capitato, in occasione di festività o fine settimane degli scorsi mesi, che i dati non fossero del tutto aggiornati e quelli mancanti venissero aggiunti il giorno dopo: quindi la prudenza del Pirellone è comprensibile. Per quanto riguarda i dati generali, in Italia sono 56.594 i malati di coronavirus, 1.158 meno di ieri, quando il calo era stato di 1.570 mentre sono 50 le vittime nelle ultime 24 ore (contro i 130 del giorno precedente), escludendo per ora che ci siano morti in Lombardia. Le vittime  salgono così a 32.785. Sono 553 i pazienti ricoverati in terapia intensiva per Coronavirus, 19 meno di ieri. Di questi, 197 sono in Lombardia, due meno di ieri. I malati ricoverati con sintomi sono invece 8.613, con un calo di 82 rispetto a ieri, mentre quelli in isolamento domiciliare sono 47.428, con un calo di 1.057 rispetto a ieri. Di contro sono saliti a 140.479 i guariti e i dimessi per il coronavirus in Italia, con un incremento rispetto a ieri di 1.639. Sabato l'aumento era stato di 2.120.

 

Intanto lunedì è il D-Day per la riapertura di palestre, piscine e circoli sportivi, che tornano a funzionare dopo quasi tre mesi di stop. Ma i limiti sono tanti: ad esempio negli sport che prevedono attività a stretto contatto con un'altra persona, pur non essendo sport di gruppo come la ginnastica ritmica, verranno evitati quegli esercizi. Molti limiti anche per il nuoto: non a caso parecchie piscine si prenderanno altri giorni prima di ricominciare al 100% e in sicurezza. In Lombardia, invece , le attività sportive resteranno chiuse fino al 31 maggio, mentre in Basilicata fino al 3 giugno.

 

Per le strutture operative, sia in palestra che in piscina si entrerà con la mascherina e sarà obbligatorio disinfettarsi le mani all'ingresso e all'uscita. E' prevista, ma non obbligatoria, la misurazione della temperatura con termoscanner per non far entrare chi ha più di 37,5 gradi. In ogni caso, all'ingresso i clienti dovranno firmare un'autocertificazione sulle proprie condizioni di salute (se hanno contratto il Covid, se hanno fatto la quarantena ecc) e i gestori delle attività conserveranno i dati per 14 giorni. In palestra saranno richieste scarpe ginniche "dedicate".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali