FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Cisgiordania, fermata unʼattivista italiana

La blogger Samantha Comizzoli ha iniziato lo sciopero della fame perché si ritiene prigioniera politica. Avrebbe un visto di soggiorno scaduto da oltre un anno

Cisgiordania, fermata un'attivista italiana

La polizia israeliana ha arrestato in Cisgiordania Samantha Comizzoli, un'attivista e blogger italiana. Secondo quanto fa sapere una fonte diplomatica italiana, la donna è agli arresti all'aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv, in attesa di essere probabilmente espulsa da Israele. Avrebbe un visto di soggiorno scaduto da oltre un anno.

Cisgiordania, fermata un'attivista italiana

Fonti dell'ambasciata italiana a Tel Aviv hanno riferito che Samantha Comizzoli è stata arrestata a Nablus, dove sarebbe stata trovata in possesso di una carta d'identità palestinese contraffatta. Attualmente l'attivista si rifiuta di rispondere alle domande della polizia e avrebbe cominciato lo sciopero della fame perché si ritiene prigioniera politica.

Un anno fa, quando tre ragazzi israeliani furono rapiti e uccisi da due palestinesi appartenenti ad una cellula di Hamas, l'attivista pubblicò sul suo blog una foto che la ritraeva davanti a un forno mentre mostrava il numero tre con le dita.

La Comizzoli nel 2011 si presentò come candidato sindaco a Ravenna nella lista civica Punto a capo e prese l'1% dei voti.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali