FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Cile, i social denunciano la morte di "el Mimo", l'artista trovata impiccata dopo le proteste

#JusticiaparaMimo è lʼhashtag che chiede giustizia per la morte di Daniela Carrasco, trovata morta in un parco. La donna aveva preso parte alle proteste sul carovita delle ultime settimane. Suicidio o omicidio?

mondo, cile, daniela carrasco 

Il mistero della morte di Daniela Carrasco, nome d'arte "el Mimo", scatena il dissenso del web. L'hashtag #JusticiaparaMimo invade i social. L'artista di strada, trovata impiccata ad un albero in un parco della periferia di Santiago del Cile, era stata parte attiva delle manifestazioni contro il carovita che dal 14 ottobre infiammano le strade del Paese. Secondo le perizie della polizia scientifica, consegnate un mese dopo il ritrovamento alla famiglia della donna, la morte sarebbe stata causata dal soffocamento. Ma si è cominciato a pensare anche a una "morte simbolica". 

L'ultima volta che è stata vista in vita era detenuta dai carabineros, lo rivelano le voci che circolano sui social. All'inizio si era subito parlato di suicidio, ma poi l'ipotesi di una morte "simbolo" come monito per le donne cilene in protesta ha avuto la meglio. Il collettivo femminista Ni Una menos sostiene questa tesi sui social e aggiunge che la donna sarebbe stata anche "violentata, torturata, nuovamente violentata fino al punto di toglierle la vita”.  Per una rete di attrici cilene la donna sarebbe stata rapita dalle forze militari nei giorni della protesta del 19 ottobre. 

 

Le perizie - Le analisi del medico legale e le dichiarazioni della Procura cilena dicono che la morta sia avvenuta per "soffocamento" causato dalla corda che la teneva legata all'albero su cui è stata ritrovata. L'autopsia non riscontra violenze sessuali e lesioni fisiche. Il National Institute of Human Rights (NHRI) al momento non ha presentato alcun ricorso.

 

Il presidente cileno Sebastian Piñera -  "C’è stato un eccessivo uso della forza, ci sono stati abusi e i diritti di tutti non sono stati rispettati - ha ammesso il presidente durante una conferenza stampa al palazzo presidenziale - la violenza e gli abusi non resteranno impuniti. Garantirò - ha assicurato - la necessaria assistenza affinché le procure e i tribunali possano indagare e fare giustizia”. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali