FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Caso Regeni, lʼEgitto: "Al Sisi vuole scoprire chi lo ha torturato e ucciso"

Il vicepresidente della Commissione esteri del parlamento egiziano: "Cʼè un ordine del presidente in persona"

Caso Regeni, l'Egitto: "Al Sisi vuole scoprire chi lo ha torturato e ucciso"

Il presidente Abdel Fattah Al Sisi vuole scoprire chi ha torturato e ucciso Giulio Regeni e c'è un "ordine" in questo senso impartito al procuratore generale Nabil Ahmed Sadeq. Lo afferma il vicepresidente della Commissione esteri del parlamento egiziano, Tarek El Khouly. "Penso ci sia un ordine del presidente in persona, indirizzato al Procuratore generale, di scoprire l'autore dell'uccisione di Regeni, chiunque egli sia", ha aggiunto.

"Penso che, in qualsiasi posto del mondo, vengano commessi errori da apparati di sicurezza. Forse è un crimine riguardante un apparato di sicurezza egiziano o forse no", ha detto il vicepresidente della Commissione esteri senza volersi sbilanciare. "Il caso Regeni è stato sfruttato in maniera politica sia in Italia che in Egitto", ha aggiunto Khouly.

"Per preservare le relazioni egitto-italiane e fermare lo sfruttamento politico da parte dei partiti qui o là, bisogna separare il percorso delle relazioni egitto-italiane da quello dell'inchiesta sul caso Regeni", ha spiegato. "Il corso dell'inchiesta comunque non si fermerà", ha assicurato il deputato di 31 anni con un passato di dirigente o fondatore di movimenti giovanili contro il regime di Hosni Mubarak e la presidenza dei Fratelli musulmani.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali