FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Canada, ammesso al conservatorio ma la ex rifiuta al suo posto: sarà risarcito con 250mila dollari

Eric Abramovitz voleva diventare un clarinettista professionista, per questo aveva sostenuto lʼaudizione al Colburn Conservatory. Due anni dopo ha scoperto il sabotaggio

Eric Abramovitz è un clarinettista di talento. Nel 2014 stava frequentando la McGill University, a Montreàl, in Canada, ma voleva dare una svolta alla sua carriera. Così si esercitava giorno e notte per superare le audizioni in un prestigioso conservatorio di Los Angeles, dove insegnava anche Yehuda Gilad, uno dei migliori maestri del mondo. Superò il colloquio e fu accettato, ma lo scoprì solo due anni dopo. La sua ragazza di allora, Jennifer Lee, scrisse una mail da parte sua rifiutando l’offerta. Ora la giustizia canadese le ha imposto un ricarcimento di 265mila dollari.

L'audizione e il rifiutoEra al secondo anno della McGill University, a Montreàl, dove studiava musica. Ma lo studio non gli bastava, voleva diventare un concertista di professione. Il suo sogno era specializzarsi al Colburn Conservatory di Los Angeles, dove insegnava anche uno dei migliori maestri al mondo, Yehuda Gilad. La scuola offriva una borsa di studio di 50mila dollari per coprire le spese dei due anni previsti. Per questo, Abramovitz poteva permettersela e sperare in seguito di poter intraprendere una carriera seria e ben pagata. Il ragazzo iniziò a studiare e fare esercizi, giorno e notte. Il provino era difficile: Gilad accettava solo due studenti. Uno di questi alla fine fu proprio Abramovitz, ma la notizia che arrivò a lui fu l’esatto opposto: un rifiuto. "Ero molto deluso", ha raccontato alla Cnn, "nutrivo grandi speranze su quel conservatorio".

Il sabotaggioLa notizia non gli arrivò mai, perché la prima a leggere la mail fu Jennifer Lee, la sua ragazza di allora. Fu lei a decidere che Abramovitz non andasse a Los Angeles. Inviò subito una risposta alla scuola, spacciandosi per il ragazzo e dicendo che non poteva più accettare perché aveva già deciso che “sarebbe andato da un’altra parte”. Poi cancellò la lettera di accettazione dalla cartella di posta dell’aspirante clarinettista. Non solo, creò un falso indirizzo mail (giladyehuda09@gmail.com) per informare Abramovitz che non era stato accettato, ma che in cambio gli veniva offerta la possibilità di una borsa di studio da 5mila dollari all’Università della California del Sud, dove Gilad deteneva una seconda cattedra. Il ragazzo però non poteva pagare i 45mila dollari che l’ateneo richiedeva. Così, dovette rinunciare anche a quell'opzione. "Sono ancora scioccato quando ripenso che lei stessa mi ha detto di sapere che non avevo quei soldi e che quindi non sarebbe stato realistico. Inoltre, ho rinunciato a una possibilità che non era nemmeno vera", commenta Abramovitz.

La scopertaDue anni dopo, nel 2016, Abramovitz tentò una nuova audizione. Abbandonati i sogni del Colburn Conservatory provò con la University of Southern California, dove si trovoò davanti Gilad. L’insegnante gli chiese come mai avesse rifiutato l’offerta di ammissione e il ragazzo gli fece notare che era lui ad averlo rigettato. Ma Gilad sembrava sicuro delle sue affermazioni e Abramovitz si convinse che lo stava confondendo con un altro clarinettista. Quando però la stessa domanda gli venne posta anche dai compagni di corso, non poté più ignorare il dubbio che nel frattempo gli stava nascendo. Riprese in mano la mail di due anni prima e fu lo stesso presunto mittente a confermargli di non averla mai scritta. Così inziò a inserire vecchie password nel suo account di posta per capire cosa fosse successo. Alla fine, le informazione di recupero delle credenziali rivelarono l’identità di chi l’aveva sabotato: la sua ormai ex ragazza. "E’ stata un’improvvisa coltellata al cuore", ha detto Abramovitz, "era davvero l’ultima persona che avrei voluto scoprire colpevole".

Il rimborsoJennifer Lee è stata contattata dall’avvocato di Abramovitz, ma non ha risposto. Questo per la legge canadese equivale a un’ammissione di colpevolezza. Così il giudice l’ha condannata di default: dovrà pagare 250mila dollari come risarcimento per danni come la perdita di una possibilità di studio, il danno alla reputazione e due anni di stipendio persi. Oggi Eric Abramovitz è un clarinettista di professione, uno dei più importanti della Toronto Symphony Orchestra. E frequenta una nuova ragazza.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali