FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Brexit, Theresa May propone a Bruxelles un rinvio al 30 giugno

La richiesta si è resa necessaria per evitare il rischio di un "no deal" nel caso il Parlamento britannico non riesca a trovare un accordo sullʼuscita dallʼUe entro il 12 aprile, attuale scadenza

Brexit, Theresa May propone a Bruxelles un rinvio al 30 giugno

Dato che Westminster non ha ancora ratificato un accordo di divorzio dall'Ue, Theresa May, per evitare il rischio di un "no deal", ha inviato una richiesta scritta all'Unione europea per un ulteriore rinvio della Brexit al 30 giugno (la scadenza attuale è il 12 aprile). Il premier spera che la Gran Bretagna possa lasciare l'Ue prima delle elezioni europee del 23 maggio. Ha tuttavia annunciato che Londra si prepara a presentare i suoi candidati.

La May punta a un compromesso per sbloccare lo stallo sulla Brexit. Lo conferma nella lettera all'Ue nella quale indica l'obiettivo o di "un approccio unico" concordato con i laburisti nell'ambito dei colloqui avviati con Jeremy Corbyn e il suo team, o altrimenti di un voto multiplo alla Camera dei Comuni su una serie di opzioni con l'impegno del governo a far sua quella preferita. "Non si può consentire che l'impasse continui", scrive il premier Tory: "Essa crea incertezza e danneggia la fiducia nella politica".

Sui termini di scadenza il presidente del Consiglio Ue Donald Tusk, in mattinata, aveva affermato che avrebbe proposto a Londra la possibilità di una proroga "flessibile" di 12 mesi, che consentirebbe alla Gran Bretagna di lasciare prima l'Ue in caso di ratifica dell'accordo da parte del Parlamento britannico.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali