FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Brexit, svolta sulle elezioni anticipate: c'è l'ok del partito Laburista di Corbyn

Il leader dellʼopposizione ha annunciato il sì visto che "la condizione di escludere lʼuscita senza accordo ormai è rispettata"

Il partito Laburista ha accettato che nel Regno Unito si svolgano elezioni anticipate, visto che "la condizione di escludere una Brexit no-deal (l'uscita senza accordo) ormai è rispettata". Lo ha annunciato il leader del partito d'opposizione, Jeremy Corbyn, mentre il premier britannico Boris Johnson tenterà di nuovo di ottenere l'assenso al voto in Parlamento, presentando un progetto di legge.

La prima bocciatura - Nella giornata di lunedì, la Camera dei Comuni aveva respinto la mozione presentata dal governo per ottenere le elezioni politiche anticipate e proprio il mancato sì dell'opposizione laburista sembrava impedire il raggiungimento del quorum necessario (due terzi). Ma ora è arrivata la svolta del Labour Party. 

 

L'ok di Corbyn - "Io ho costantemente detto che noi eravamo pronti alle elezioni a patto che una Brexit no deal fosse fuori dal tavolo", ha detto il leader laburista Corbyn. "Ora noi abbiamo saputo dall'Ue che l'estensione dell'articolo 50 (sull'uscita del Regno dal club dei 27) è confermata fino al 31 gennaio 2020, per i prossimi tre mesi. E quindi la nostra condizione è soddisfatta".

 

Pronti per la campagna elettorale - Corbyn, parlando ai suoi ministri ombra, ha promesso di lanciare "la più ambiziosa e radicale campagna per un vero cambiamento che il Paese abbia mai visto", ha detto dando, di fatto, avvio alla campagna elettorale. La data delle future elezioni, però, deve essere ancora fissata anche se molto probabilmente avranno luogo a dicembre.

 

Niente voto per i 16enni e cittadini Ue - Alle prossime elezioni, però, non voteranno i 16enni e neppure i cittadini Ue. Lo ha deciso il vice speaker dei Comuni, Lindsay Hoyle, dichiarando inammissibili gli emendamenti presentati al riguardo nel dibattito sulla legge per la convocazione del voto politico anticipato nel Regno a dicembre. Hoyle ha invece ammesso al voto l'emendamento promosso come primo firmatario da Corbyn che propone il 9 dicembre per le elezioni, invece del 12 come indicato dal governo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali